Bocciata via Gaber, arriva il "si" per via Almirante: infuria la polemica

Nessuna strada sarà intitolata al cantautore per "mancanza di legame con il territorio", nonostante l'elenco degli spettacoli tenuti in città fornito alla commissione. C'è l'ok invece per una strada a nome del noto politico di destra

A sinistra Giorgio Almirante, a destra Giorgio Gaber

Una nuova polemica si abbatte sull'amministrazione comunale di Verona, questa volta per una questione relativa alla toponomastica cittadina. La maggioranza infatti ha bocciato la richiesta di Federico Benini, capogruppo del Partito Democratico, di intitolare una via al grande Giorgio Gaber, adducendo ad una "mancanza di legame con il territorio", nonostante i dem avessero fornito l'elenco degli spettacoli che il cantautore e commediografo aveva interpretato nella città di Romeo e Giulietta. 
Nonostante due contrari ed un astenuto, la commissione toponomastica del Comune di Verona ha invece approvato richiesta di intitolare una strada a Giorgio Almirante, reduce della Repubblica Sociale Italiana e tra i fondatori del partito di destra MSI (Movimento Sociale Italiano), attirando così su di sé le attenzioni dei media nazionali. 
Lo stesso Benini ha raccontato la vicenda in una nota diffusa, commentandola aspramente. 

La commissione toponomastica del Comune di Verona, riunitasi il 5 novembre scorso, ha approvato la proposta di intitolazione di una strada a Giorgio Almirante, avanzata lo scorso marzo dall’ala più estremista della maggioranza del Sindaco Sboarina, che ruota attorno al consigliere Andrea Bacciga, e approvata dal Consiglio comunale del 3 marzo 2019 con 21 voti favorevoli e 5 contrari, mentre ha respinto la proposta di intitolazione di una strada all’artista Giorgio Gaber sostenuta dal capogruppo Pd Federico Benini e approvata dalla stessa aula consiliare il 5 maggio successivo con larga maggioranza di 25 favorevoli e un solo astenuto (Bacciga).

L’unica motivazione della bocciatura di Gaber riportata nel verbale di commissione, attiene alla “mancanza di legame con il territorio”. Peccato che, come in parte osservato anche dal commissario Arch. Emanuele Bugli, commissario in quota alla maggioranza, il Regolamento Comunale per la Toponomastica non faccia alcuna discriminazione sotto questo aspetto. Anzi, all’articolo 8 (“Indicazioni generali”), si precisa che “I nuovi nomi da assegnare dovranno essere costituendo la dedica testimonianza dello sviluppo materiale e civile, legati a fatti, personaggi ed avvenimenti sociali, culturali e politici della storia cittadina, nazionale o internazionale”. Eppure altre città, come Mantova o Pistoia non si sono fatte problemi di questo genere. Alla Commissione era stato inoltre fornito l'elenco di tutti gli spettacoli teatrali che Gaber aveva fatto a Verona, predisposto direttamente dalla Fondazione Giorgio Gaber, che ringrazio.

Fa inoltre specie che tutte le eccezioni di territorialità siano cadute nel giro di pochi minuti, al momento di trattare la proposta di intitolazione ad Almirante. Vorrei anche sapere che tipo di “progresso materiale e civile” abbia promosso Almirante. Come ricordato durante la seduta di Commissione dal componente di nomina universitaria Prof. Andrea Brugnoli, Almirante “non ha mai rinnegato le scelte fatte con l’adesione al fascismo nemmeno dopo l’8 settembre”.

Non è dunque sufficiente affermare che (nel dopoguerra) Almirante avrebbe mantenuto nell’alveo costituzionale i movimenti di estrema destra. Le sue responsabilità in qualità di redattore della rivista “La difesa della razza” e come repubblichino restano gravissime e come tali passeranno alla storia, tanto che il prof. Brugnoli ha proposto di “predisporre un elenco degli ebrei veronesi perseguitati dal regime fascista e intitolare loro luoghi della città a perenne memoria di quanto anche i nostri concittadini ebbero a subire”.

Tutte queste argomentazioni non hanno però penetrato il muro ideologico degli altri commissari, tutti espressione della destra veronese, che anzi, si sono sperticati in lodi per Almirante. Per la pasionaria prof. Lucia Cametti Almirante “è stato persona di grande cultura, con un profilo morale integerrimo e dotato di una dialettica moderata”. L’architetto Bugli, in quota alla maggioranza, ha insistito per “indicare la carica istituzionale anteponendo Onorevole al nome”. Il dottor Giuseppe Galloro, rappresentante della minoranza ma in quota alla Lista dell’ex Sindaco ex leghista Tosi, forse scambiando Verona per Salò e la commissione toponomastica per il gabinetto di guerra di Mussolini, è arrivato ad esaltare “l’aspetto encomiabile in campo militare di Almirante”. Forse in riferimento all’abilita con cui mandava a morte i partigiani…

Un’altra pagina buia e triste per la nostra città, messa alla berlina un giorno sì e uno no da una amministrazione semplicemente inadeguata…

Duro anche il commento della deuptata del PD, Alessia Rotta

Il Comune di Verona ne combina un'altra delle sue e prosegue nel tentativo di trasformare la città medaglia d'oro della resistenza, nel laboratorio politico e culturale della peggior destra. E in questa precisa linea politica e amministrativa, si colloca la proposta di intitolare una strada a Giorgio Almirante, respingendo quella che indicava il nome di Giorgio Gaber. Ovviamente, la commissione che si è occpuata dell'atto ha usato una serie di patetiche scuse come le eccezioni di territorialià, puntualmente smentite dalla lettura dei regolamenti comunali, per giustificare la sua scelta. La verità è che la giunta guidata da Sboarina ha un disegno molto preciso: fare di Verona la città dell'ultradestra italiana. Tutto il resto è secondario. Almirante non solo non ha rinnegato il fascismo ma è stato redattore della rivista la difesa della razza, firmatario del Manifesto della razza e ha aderito alla repubblica di Salò.
Anche nella toponomastica, la giunta veronese vuole dare il segno della discontinuità e della ormai palese alleanza con i movimenti di destra. La nostra Repubblica, nata dalla Resistenza, ha l'antifascimo come valore fondante. Nessuno pensi di poter riscrivere la storia.

La questione non ha lasciato indifferente anche Francesca Businarolo, presidente della Commissione Giustizia della Camera e deputata M5S. 

Il sindaco Sboarina fa di tutto per non governare la città: in questa strategia della distrazione rientra anche la scandalosa scelta di intitolare una via della città a Giorgio Almirante, l’uomo che più di ogni altro ha rappresentato il fascismo nella Repubblica democratica. Verona non merita questa ferita e di subire le scelte di un sindaco che deve ‘pagare’ il sostegno dei gruppi estremisti di destra alla sua giunta. 

Commissione toponomastica - Verbale del 5 novembre 2019

Regolamento per la toponomastica

Allegati

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Auto con tre giovani a bordo finisce fuori strada e contro un albero: tutti morti sul colpo

  • Luca, Francesca e Chiara: i tre giovani morti nell'incidente di Bonavigo

  • Due nuove destinazioni dall'aeroporto Catullo di Verona per chi vola con easyJet

  • Ha un nome il corpo trovato in A4: tocca alla Polstrada risolvere il giallo

  • Autovelox e telelaser, le strade di Verona controllate dalla polizia locale

  • Non ce l'ha fatta il 41enne coinvolto in uno scontro frontale a Isola della Scala

Torna su
VeronaSera è in caricamento