San Bonifacio, s'infiamma la corsa alle elezioni: sono in 4 per il posto di sindaco

Liga Veneta punta sull'esperto Silvano Polo, che arriva alla terza candidatura. Le primarie del Pd hanno decretato invece che sarà Giampaolo Provoli il portabandiera dei democratici, mentre M5S ha scelto Michele Teatin. L'unica candidata donna finora è Elena Pasini per la lista civica San Bonifacio Davvero

Man mano che ci avviciniamo alle elezioni sale la tensione nel comune di San Bonifacio, dove continue voci si susseguono sui possibili candidati, sui loro programmi e i loro appoggi politici.

Molte le indiscrezioni che si rincorrono per le vie del paese. Il primo a uscire allo scoperto, dopo settimane di vociferare sulla sua probabile presenza o meno, è stato Silvano Polo, che con un comunicato ha reso noto la sua volontà di candidarsi a sindaco, per la terza volta dopo le esperienze passate (dal 1994 al 1998 e dal 2004 al 2009), e lo farà come capolista della Liga Veneta Repubblica. Polo ha spiegato le sue motivazione della scelta “Ho deciso di candidarmi nuovamente a Sindaco di San Bonifacio perchè questo Comune è stato letteralmente disastrato dall’Amministrazione Casu, che non ha saputo dare risposte in termini di efficienza gestionale dei problemi, né soluzioni efficaci alle gravi questioni tutt’ora incombenti sul nostro paese”. Il candidato Silvano Polo si è Presentato ufficialmente alla popolazione mercoledi 26 Febbraio nella Sala Barbarani.

Domenica 23 febbraio invece è stata la volta del PD, che con le primarie aperte a tutti i cittadini di San Bonifacio ha scelto il proprio candidato. Tre i nomi in corsa: Fabio Merlo 39 anni, Giampaolo Provoli 48 anni e Vasco Carradore 59 anni. Dalle votazioni è uscito con un netto 50% il nome di Giampaolo Provoli: 48 anni e professore di matematica presso il Liceo “Guarino Veronese “ a San Bonifacio.

Venerdi 28 febbraio, presso la Sala Barbarani, il Movimento Cinque Stelle (M5S) ha presentato il proprio candidato, Michele Teatin di 47 anni, e il programma elettorale alla cittadinanza. Trasparenza, informazione e servizio per il paese, sono questi i cavalli di battaglia dei grillini, "non voglio essere il padrone - afferma Teatin - ma essere al servizio del cittadino. Il programma elettorale si estende in 16 punti e le decisioni più importanti - afferma Teatin - verranno prese in collaborazione con i cittadini mediante modalità interattive. Anche le decisioni amministrative verranno prese tramite voto proposto ai cittadini via internet".

In fine sabato 8 Marzo sarà il turno della lista civica San Bonifacio Davvero, che presenterà il proprio candidato Elena Pasini, unica donna a correre per il posto di sindaco. Nel comunicato stampa rilasciato, Elena Pasini afferma che la lista è costituita da donne e giovani impegnate nel sociale, e si pone lo scopo di "portare novità e concretezza nella politica cittadina, affrontando i problemi atavici del paese con grande impegno e volontà senza rivoluzioni, senza chiacchere invane ma con una serie di proposte credibili, cercando di coinvolgere i cittadini nel progetto". 

Nei prossimi giorni però ci potrebbero essere ulteriori novità. Sarebbero infatti in procinto di avanzare la propria candidatura altre liste civiche, con il nome di Mario Nogara che circola insistentemente. Si attende inoltre di comprendere cosa faranno Lega Nord e Forza Italia, con una possibilità di ricandidatura per antonio Casu.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Finisce fuori strada con la Ferrari, ipotesi malore: muore imprenditore in Transpolesana

  • Cosa fare a Verona e provincia durante il weekend dal 14 al 16 febbraio 2020

  • Rubavano dalla cassa del negozio per cui lavoravano: commesse in manette

  • Preleva 1.500 euro con un bancomat rubato, scoperto e denunciato

  • Finalmente insieme a Verona i vincitori del concorso di San Valentino

  • Tre persone portate in ospedale dopo un scontro frontale tra due auto

Torna su
VeronaSera è in caricamento