Esposto in Procura contro Vito Comencini e il suo: «Mattarella mi fa schifo»

Lo ha presentato Mao Valpiana del Movimento Nonviolento. Si chiede di verificare se il consigliere comunale e deputato veronese della Lega possa essere incriminato per «vilipendio al Capo dello Stato»

Comenicini e Valpiana (Foto Facebook)

Ieri mattina, 16 settembre, il veronese Mao Valpiana, del Movimento Nonviolento, ha depositato alla Procura di Verona una «notizia di reato», chiedendo alla magistratura veronese di verificare se il consigliere comunale e deputato veronese della Lega Vito Comencini possa essere incriminato per «vilipendio al Capo dello Stato».

Il fatto segnalato alla Procura da Valpiana si riferisce a quanto dichiarato da Comencini durante il raduno di Pontida. L'esponente leghista, dal palco, ha dichiarato: «Mattarella mi fa schifo». Parole che sono state ripetute in un contesto pubblico e sono state rilanciate a mezzo stampa. In più, secondo Valpiana, ci sarebbe l'aggravante del fatto che Vito Comencini è un consigliere comunale di Verona ed un deputato, quindi un rappresentante dei cittadini, il quale dovrebbe essere fedele alla Repubblica e alla Costituzione.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Oltre ai possibili risvolti penali, le parole di Comenicini avevano già scatenato uno scontro politico. Il Partito Democratico di Verona ha chiesto le sue dimissioni dal consiglio comunale di Verona, mentre l'esponente di Forza Nuova Luca Castellini ha espresso la propria solidarietà nei confronti del leghista Comencini.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sotto le vigne della Valpolicella a Negrar emerge un vero tesoro archeologico

  • Ricercato in tutta Europa, viene scoperto ed arrestato dai carabinieri di Legnago

  • Movida in Erbe a Verona: immagini denuncia sui social (e le webcam registrano tutto)

  • Tragico incidente tra scooter e autocarro: morta una donna di 43 anni

  • Indagine nazionale di sieroprevalenza al coronavirus: ecco i Comuni veronesi coinvolti

  • In vigore la nuova ordinanza di Zaia e per la prima volta si parla di sagre e discoteche

Torna su
VeronaSera è in caricamento