Tosi sulla sentenza della Cassazione: "Rubare, anche per fame, è reato"

Il primo cittadino si è espresso sul responso della corte suprema, che ha annullato la condanna precedentemente inflitta a un cittadino ucraino per aver rubato da un supermercato poco più di 4 euro di merce per mangiare

"Rubare è sempre un reato: si può anche emettere una sentenza di condanna di natura penale lieve considerata la tenuità del fatto, comprendendo la motivazione di un gesto dettato dalla fame, ma facendo comunque capire a tutta la comunità – e quindi anche ai cittadini non italiani – che rubare significa infrangere la legge”. Questo il commento del Sindaco di Verona, Flavio Tosi, sulla sentenza della Corte di Cassazione che ha annullato la condanna precedentemente inflitta a un cittadino ucraino.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"In ogni caso infatti l'autore del piccolo furto – aggiunge – non sarebbe comunque finito in carcere dato che la condanna era stata lieve: però passare da una condanna di fatto solo simbolica ad affermare che è lecito rubare per fame può creare il rischio che da ora in poi, qualcuno vada al supermercato e si porti via delle derrate alimentari, motivando il gesto per lo stato di indigenza in cui si trova. Si rischia quindi di creare una situazione pericolosissima, di diffondere il messaggio sociale che possa essere lecito rubare purché vi siano dei motivi di indigenza, senza contare il pericolo per l’ordine pubblico e la sicurezza che potrebbe derivare dall’esplosione incontrollata di episodi di questo genere. Inoltre, se, per esempio, il bisogno sociale divenisse nella giurisprudenza italiana un valido motivo per non essere punibili, anche chi non ha una casa sarebbe giustificato nell'occupare le case altrui. Credo che sarebbe bene che il Parlamento chiarisse una volte per tutte quali siano i limiti alle interpretazioni della legge da parte della Magistratura anche perché, dato che in Italia le sentenze della Cassazione fanno giurisprudenza, ne consegue che l'esercizio del potere legislativo, di fatto, non è più solo del Parlamento".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Auto in fiamme dopo lo scontro con un autocarro: morta una donna

  • Cosa fare a Verona e provincia durante il weekend dal 10 al 12 luglio 2020

  • Perde il controllo della moto, esce di strada e muore sulla Transpolesana

  • Morto in A22 a 37 anni: scoppiate le gomme posteriori, il furgone è diventato incontrollabile

  • Omicidio Micaela Bicego, trovata mannaia nello zainetto della vittima

  • Coronavirus: in Veneto nuovi casi positivi e ricoveri, 4 morti di cui 3 sono a Verona

Torna su
VeronaSera è in caricamento