Evento annullato in piazza Bra. Flavio Tosi: "Sboarina non si nasconda"

L'ex sindaco cerca lo scontro con il nuovo primo cittadino. Il tema è l'evento "Quando l'auto saluta la musica", annullato per ragioni di sicurezza

Foto Facebook Historic Cars Club

Cerca lo scontro diretto con il sindaco Sboarina, l'ex primo cittadino Flavio Tosi, ora consigliere comunale di minoranza. Il tema è l'annullamento di "Quando l'auto saluta la musica", evento organizzato dall'Historic Cars Club in cui si sarebbero messe in mostra auto e strumenti musicali d'epoca in piazza Bra. Una scelta presa dall'amministrazione e dettata principalmente da una motivazione: la sicurezza. La nuova giunta di Palazzo Barbieri vuole diminuire il numero di eventi organizzati nel cuore della città, venendo incontro anche alle forze dell'ordine che devono organizzarsi per garantire la sicurezza della piazza, in un periodo in cui il rischio di attentati non è da sottovalutare. Sboarina non è intervenuto in merito, ha lasciato che a spiegare la nuova linea siano i suoi assessori. E Tosi lo attacca.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il sindaco non si nasconda, perché la responsabilità di non aver difeso lo svolgimento di un'iniziativa prestigiosa, assolutamente neutra ed innocua per quanto riguarda la pubblica sicurezza, è tutta e solo sua - scrive Tosi - Che non si parli di sovraffollamento, vie di fuga ed altre simili amenità, altrimenti per coerenza andrebbero chiusi il Cortile di Giulietta, via Mazzini e altri siti perennemente traboccanti di visitatori. La verità è che l'amministrazione ha seguito e subìto un'interpretazione demenziale di una sensata circolare del ministero degli interni, la quale ragionevolmente invita ad evitare la promiscuità della presenza di molte persone con la circolazione di veicoli, per evitare quanto tragicamente accaduto a Barcellona ed altrove. Il caso in questione nulla però ha a che spartire con il contenuto della direttiva, perché qui si tratta di auto storiche, ben riconoscibili, con piloti schedati, che nemmeno circolano, ma sfilano ad una ad una per poi sostare in esposizione.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Auto in fiamme dopo lo scontro con un autocarro: morta una donna

  • Cosa fare a Verona e provincia durante il weekend dal 10 al 12 luglio 2020

  • Morto in A22 a 37 anni: scoppiate le gomme posteriori, il furgone è diventato incontrollabile

  • Coronavirus: in Veneto nuovi casi positivi e ricoveri, 4 morti di cui 3 sono a Verona

  • Omicidio Micaela Bicego, trovata mannaia nello zainetto della vittima

  • Forti temporali attesi in Veneto: stato di attenzione anche nel Veronese

Torna su
VeronaSera è in caricamento