Toponomastica, Gaber ed Almirante. Polato risponde alle critiche e bacchetta Benini

Così l'assessore alla Sicurezza Daniele Polato: «Persino sulla toponomastica, la sinistra e il consigliere Benini si dimostrano fuori dalla realtà, nei fatti e nei tempi»

L'assessore alla Sicurezza Polato

La Commissione comunale per la Toponomastica cittadina che, così come si legge in una nota stampa di Palazzo Barbieri, è composta dall’architetto Emanuele Bugli, dall’avvocato Alessandra Bontempo, dalla professoressa Lucia Cametti, dal dottor Giuseppe Galloro e dai professori Gian Paolo Marchi e Andrea Brugnoli, ha approvato con 4 voti favorevoli e 2 contrari la proposta di intitolare una via a Giorgio Almirante. La stessa commissione ha respinto, in questo caso all’unanimità, la proposta di dedicare un toponimo a Giorgio Gaber, evidenziando la «mancanza di legame con il territorio». Per «mancanza di legame» con Verona, come sempr si legge nella nota del Comune, è stata bocciata anche la proposta di intitolare un toponimo al cantante Elvis Presley. In tutte le votazioni, il presidente della Commissione Daniele Polato, assessore ai Servizi demografici, si è astenuto.

La Commissione toponomastica è consultiva e si è riunita a novembre per dare corso alle due mozioni di Consiglio: Ciro Maschio per l’intitolazione a Almirante ed il  consigliere Benini a Gaber. Il compito della Commissione, come si legge nella nota di Palazzo Barbieri, è quello di analizzare le proposte, approfondirne gli aspetti e di esprimere il parere tecnico. Spetterebbe poi alla giunta decidere in merito all’intitolazione di nuovi toponomastici.

La polemica dopo i pareri opposti circa la bocciatura dell'intitolazione di un toponimo a Gaber e l'approvazione di quello ad Almirante da parte della Commissione, è naturalmente divampata in città. Alle dure prese di posizione del consilgiere Pd Benini, nonché alle parole della deputata Alessia Rotta, ha risposto l'assessore alla Sicurezza Daniele Polato: «Persino sulla toponomastica, la sinistra e il consigliere Benini si dimostrano fuori dalla realtà, nei fatti e nei tempi. - argomenta l’assessore Polato - La sua proposta su Gaber è stata bocciata all’unanimità, cioè da tutti, anche dai commissari che si erano espressi negativamente su Almirante. Forse è questa bocciatura che gli fa perdere il sangue freddo. Il Comune di Verona non ha ancora intitolato nulla a nessuno perché ci deve essere il parere della Prefettura prima ancora della delibera di giunta. E comunque in provincia esiste già via Almirante, è a Pescantina. Ma l’aspetto veramente ridicolo è che il democratico Benini, lo è per etichetta di partito ma non nella vita. Non rispetta infatti il parere liberamente espresso dalla Commissione, composta da rappresentanti della società civile e categorie. Allora chi è l’antidemocratico? - chiede provocatoriamente l'assessore Polato - Io che mi astengo da valutazioni politiche per lasciare libertà di studio e voto ai commissari o lui che strilla e non rispetta le decisioni? È vergognoso che professionisti come i componenti della Toponomastica, che si adoperano gratuitamente con studi e approfondimenti, vengano messi in discussione da un neofita».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Va allo Spi per un controllo: 70enne scopre che l'inps gli deve quasi 37 mila euro

  • Auto con tre giovani a bordo finisce fuori strada e contro un albero: tutti morti sul colpo

  • Luca, Francesca e Chiara: i tre giovani morti nell'incidente di Bonavigo

  • Due nuove destinazioni dall'aeroporto Catullo di Verona per chi vola con easyJet

  • Ha un nome il corpo trovato in A4: tocca alla Polstrada risolvere il giallo

  • Autovelox e telelaser, le strade di Verona controllate dalla polizia locale

Torna su
VeronaSera è in caricamento