«Prima gli esseri umani e poi...i 49 milioni», striscione contro Salvini esposto a Verona

Questa mattina il ministro dell'Interno era atteso a Verona nei pressi di Giardino Giusti e dalle finestre di un edificio poco distante è stata esposta la scritta polemica a lui indirizzata

Lo striscione polemico all'indirizzo del ministro dell'Interno comparso su un edificio di Veronetta

«Prima gli esseri umani e poi...i 49 milioni». È il testo dello striscione di protesta esposto questa mattina, martedì 14 maggio, dalla finestra di un palazzo all'ultimo piano nella città di Verona.

L'edificio, nel quartiere di Veronetta, si trova a pochi metri da Giardini Giusti, luogo dove era atteso per le ore 11 l'arrivo del ministro dell'Interno Matteo Salvini, in occasione dell'inaugurazione della sede della Cassa Depositi e Prestiti. Lo striscione, accompagnato anche da una scritta «No Tav», è stato filmato dai funzionari della Digos presenti sul posto.

«Ormai è un classico, arriva Salvini e tutti vogliono il selfie: ma ultimamente continuano ad aumentare quelli fatti contro il ministro, - scrivono in una nota i componenti del gruppo di attivisti Assemblea 17 Dicembre - che ormai ovunque è accolto da contestazioni. Cosi è successo anche questa mattina a Verona. Striscioni appesi, gruppi di antifasciste/i per strada e lui che arriva in contromano, facendo bloccare il traffico caotico di Veronetta, per non passare davanti alle/ai contestatrici/tori, scende frettolosamente ed entra a Palazzo Giusti, sede dell'omonimo famoso giardino veronese, dove era in programma stamattina l’inaugurazione della Cassa Depositi e prestiti».

Il tour della campagna elettorale di Salvini proseguirà poi nel Veronese a Negrar verso le 13.30, dove il ministro è atteso in piazza Vittorio Emanuele per un incontro con i cittadini. Tappa poi a San Bonifacio verso le 15.30 in piazza Costituzione e, infine, ritorno in città a Verona verso le 17.30 per l'appuntamento in fiera con l'Automotive Dealer Day.

Nel corso della sua presenza alla cerimonia per l'inaugurazione della sede della Cassa Depositi e Prestiti a Giardino Giusti, Salvini non ha lesinato polemiche ai colleghi di governo pentastellati:

«Io per 11 mesi ho mantenuto la parola con gli italiani e con i 5 Stelle. - ha dichiarato Salvini - Inizio a notare troppi accoppiamenti fra Pd e 5 Stelle, troppa sintonia. No alla flat tax, no ad Autonomia, no al nuovo decreto sicurezza. E magari riapriamo i porti. - ha aggiunto ancora sarcastico Salvini -  Mi spieghi qualcuno se vuole andare d'accordo con il Pd o con gli italiani e la Lega rispettando il patto».

Ieri invece il ministro dell'Interno aveva fatto tappa a Legnago dove era stato accolto da una nutrita compagine di cittadini.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Attaccata sotto la sedia, nascondeva una scatola con quasi mezzo chilo di coca

  • Coronavirus: Verona segna ancora il peggior aumento di casi positivi totali in Veneto

  • Ancora un dramma sulle strade: motociclista muore dopo lo scontro con un cervo

  • Ricercato in tutta Europa, viene scoperto ed arrestato dai carabinieri di Legnago

  • Movida in Erbe a Verona: immagini denuncia sui social (e le webcam registrano tutto)

  • Coronavirus a Verona: 25 nuovi casi e 4 decessi in poche ore, ma diminuiscono i "positivi"

Torna su
VeronaSera è in caricamento