Le "Sardine" crescono. In un giorno già più di 5.000 iscritti a Verona

«Sulla scia del movimento nato a Bologna, ci sentiamo anche noi sardine, contro il razzismo, contro l'intolleranza e contro tutti i sovranismi», scrive il gruppo locale apartitico

Immagine dal Gruppo Facebook «Sardine di Verona»

Sono spuntate una settimana fa a Bologna, riempiendo Piazza Maggiore, da lì si sono moltiplicate in tutta l'Emilia Romagna e lentamente si stanno mobilitando in tutta Italia. Sono le cosiddette "Sardine", un movimento politico antisovranista che rifiuta xenofobia, omofobia, populismo, ed ogni forma di fascismo. Un movimento che non ha nessuna bandiera di partito e che ha come suo simbolo le sardine, i pesci usati nelle metafore per indicare gruppi numerosi di persone compressi in un piccolo spazio, come le sardine in scatola. Dalla metafora alla realtà, essere tanti e tenersi stretti, questo vuole essere il movimento delle "Sardine", arrivato ormai anche in Veneto.

La sfida delle "Sardine" veneto è decisamente più dura, in una terra a forte trazione leghista, ma intanto si vuole partire con un gruppo in ogni provincia. Le "Sardine di Verona" si stanno già organizzando attraverso i social network. È stata creata una pagina Facebook di riferimento e il gruppo Facebook in un giorno ha superato le 5.000 adesioni.

Ecco come si descrive il gruppo delle "Sardine di Verona":

Sulla scia del movimento nato a Bologna, ci sentiamo anche noi sardine, contro il razzismo, contro l'intolleranza e contro tutti i sovranismi. Le sardine, muovendosi in branco, disorientano l'aggressore. Vogliamo un paese libero da tutte le forme di discriminazione. Siamo un gruppo apartitico, unito contro ogni forma di intolleranza, di violenza e di arroganza, sia nella vita politica, che sul web. Vogliamo una politica più attenta alle minoranze, ai diritti civili e all'ambiente. Infine, siamo per la pace fra i popoli e fra le singole persone.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Auto con tre giovani a bordo finisce fuori strada e contro un albero: tutti morti sul colpo

  • La vera storia di Santa Lucia, secondo la leggenda nata a Verona

  • Luca, Francesca e Chiara: i tre giovani morti nell'incidente di Bonavigo

  • Due nuove destinazioni dall'aeroporto Catullo di Verona per chi vola con easyJet

  • Ha un nome il corpo trovato in A4: tocca alla Polstrada risolvere il giallo

  • Autovelox e telelaser, le strade di Verona controllate dalla polizia locale

Torna su
VeronaSera è in caricamento