Sanità veneta, «Coletto si tiene la poltrona». «Falso, mi sono dimesso»

Sono i consiglieri regionali Piero Ruzzante (Liberi E Uguali) e Patrizia Bartelle (Italia In Comune) ad attaccare Luca Zaia e l'ex assessore, che però replica e respinge la polemica al mittente

Luca Coletto

«Più che autonomia e decentramento, in Veneto oggi assistiamo ad una monarchia assoluta. Con il Presidente-sovrano che, a un mese esatto dal giuramento dell'ex assessore Coletto divenuto sottosegretario, si tiene ben stretta la delega più importante, quella alla Sanità». Così i consiglieri regionali Piero Ruzzante (Liberi E Uguali) e Patrizia Bartelle (Italia In Comune), sulla situazione attuale nella giunta regionale veneta, dopo l'approdo di Coletto al Ministero della Salute.
«Lo strapotere di Zaia ormai non conosce limiti – proseguono Ruzzante e Bartelle – ha fatto approvare il Piano socio sanitario in assenza di un assessore alla Sanità. E mentre Zaia si tiene la delega, Coletto si tiene la poltrona: non quella di assessore, ma quella di consigliere regionale. Anche se il ruolo è incompatibile con quello di sottosegretario, infatti, nonostante il termine sia scaduto non risulta che si sia dimesso, accumulando alla indennità da sottosegretario anche quella di consigliere».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Non si è fatta però attendere la risposta del politico veronese: «Mi sono dimesso sia da assessore sia da consigliere regionale nei termini di legge e non ho mai percepito nessun doppio stipendio. È una polemica priva di fondamento». Così il sottosegretario alla Salute, Luca Coletto, respinge al mittente la polemica su un suo presunto doppio incarico che, "non è mai esistito e peraltro la legge stessa non lo permette, tanto che ad occuparsene sono le ragionerie della Regione Veneto e del ministero della Salute".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Attaccata sotto la sedia, nascondeva una scatola con quasi mezzo chilo di coca

  • Coronavirus: Verona segna ancora il peggior aumento di casi positivi totali in Veneto

  • Ancora un dramma sulle strade: motociclista muore dopo lo scontro con un cervo

  • Ricercato in tutta Europa, viene scoperto ed arrestato dai carabinieri di Legnago

  • Movida in Erbe a Verona: immagini denuncia sui social (e le webcam registrano tutto)

  • Coronavirus a Verona: 25 nuovi casi e 4 decessi in poche ore, ma diminuiscono i "positivi"

Torna su
VeronaSera è in caricamento