Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La Regione Veneto spinge per la Tav. M5S: "Non serve ai cittadini"

Il consiglio regionale ha approvato una mozione per chiedere il completamento dei lavori. Contrari i 5 Stelle

 

La Tav nel Veneto e a Verona, soprattutto, serve come l'aria.

Il consigliere regionale veronese Stefano Valdegamberi è tornato a ribadire la propria posizione sul progetto di creazione di una linea ad Alta Velocità e Alta Capacità tra Brescia e Verona. Se per i No-Tav, il danno per il territorio sarebbe la realizzazione di questa linea, per Valdegamberi il danno sarebbe non portarla a termine. E su questa posizione si è in sostanza allineata una larga maggioranza del consiglio regionale che ieri, 2 ottobre, ha approvato una mozione che "impegna la giunta regionale ad adoperarsi presso il governo nazionale affinché venga assicurato il completamento dei lavori dell'Alta Velocità".

Verona, e il Veneto, guardano al futuro, al progresso, e all'innovazione - ha dichiarato Valdegamberi - Per questo, il nostro territorio ha bisogno dell'Alta Velocità.

Contrario alla mozione il Movimento 5 Stelle, come spiegato nel video dal consigliere regionale Manuel Brusco.

La Tav in Veneto costerà fra i 70 e i 100 milioni di euro al chilometro - avvertono i pentastellati - Il tutto per avere una linea progettata 30 anni fa, che a fronte di una manciata di minuti risparmiati sull’intera tratta regionale ci costerà una valanga di soldi in più. Chi propone di portare avanti il progetto semplicemente non vuole vedere realizzata in tempi brevi l'opera di ammodernamento della rete esistente, che porterebbe invece molti benefici. Prima di tutto aggiornare il corridoio ferroviario padano comporterebbe grandi risparmi e l'abbattimento dei tempi di realizzazione dell’opera. Noi non siamo contro le grandi opere, non ci stancheremo mai di dirlo. Siamo contro le mangiatoie come la Tav e vogliamo progetti moderni, come quelli che vengono realizzati in Europa in questo periodo. Con gli stessi soldi della Tav potremmo avere un progetto in grado di affrontare i prossimi 30 anni, invece ci troviamo con un dinosauro che impedirà qualsiasi altra operazione per chissà quanto tempo.

Potrebbe Interessarti

Torna su
VeronaSera è in caricamento