Primarie PD, in provincia di Verona saranno allestiti 78 seggi

Domenica 3 marzo dalle 8 alle 20 si potrà eleggere il nuovo segretario nazionale del partito e i relativi delegati veronesi all'Assemblea nazionale

Martina, Zingaretti e Giachetti, i tre candidati alla segreteria del PD

Settantotto seggi attivati su tutto il territorio provinciale, di cui ventitre nel capoluogo. Più di duecentocinquanta militanti mobilitati. Seggi multipli a servizio delle frazioni anche nei principali centri urbani della provincia. Sono queste le dimensioni delle Primarie nazionali del Partito Democratico che si svolgeranno a Verona domenica 3 marzo dalle 8 alle 20, per l'elezione del nuovo segretario nazionale del PD e dei delegati veronesi all'Assemblea nazionale.

Oltre ai circoli territoriali del PD sono stati reperiti spazi in sale civiche, auditorium, palestre, scuole, sedi sindacali. «Un grande sforzo organizzativo per consentire la più ampia partecipazione di iscritti ed elettori del Partito Democratico sull'intero territorio provinciale, chiaro segnale di un partito vivo e attivo, democratico non solo nel nome ma anche nei fatti», hanno commentato il segretario provinciale Maurizio Facincani e il segretario organizzativo Giuseppe Mazza.

Tre i candidati alla segreteria nazionale: Nicola Zingaretti, Maurizio Martina, Roberto Giachetti. Sulla base delle percentuali ottenute dalle liste collegate a ciascun candidato, e secondo criteri di rappresentatività territoriale, verranno contestualmente eletti anche i mille delegati che formeranno la nuova assemblea nazionale del Partito Democratico.

Possono votare tutti gli iscritti, nonché gli elettori e i simpatizzanti del PD che sottoscrivano una dichiarazione di riconoscersi nella proposta politica del Partito Democratico e che accettino di essere registrati nell'Albo delle elettrici e degli elettori. Minori (a partire dai 16 anni compiuti entro domenica 3 marzo), cittadini non italiani comunitari, cittadini extracomunitari in regola col permesso del soggiorno, studenti fuori sede, ed ogni altro elettore che per varie ragioni al momento del voto si trovi fuori regione, possono votare qualora abbiano preventivamente attivato il servizio di pre-registrazione online.
Si vota nel comune di residenza. Gli iscritti al PD si rivolgono ai seggi allestiti nel loro circolo di appartenenza. I non iscritti possono trovare il seggio di competenza consultando la tabella riportata anche sul sito del Pd veronese. Al momento del voto, ci si deve presentare con un documento di riconoscimento e la tessera elettorale. Ai non tesserati Pd verrà chiesto un contributo simbolico di due euro a copertura delle spese organizzative.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La città di Verona con le sue inestimabili meraviglie diventa protagonista in tv sulla Rai

  • A Verona la migliore escort dell'anno 2019: «Prima facevo l'aiuto cuoco»

  • Vince 75mila euro a L'Eredità e si taglia i capelli con Flavio Insinna

  • Possibili rischi per la salute, ritirato formaggio prodotto a Cerea

  • Omicidio a Verona: ammazza una 51enne e confessa due giorni dopo

  • Donna morta annegata nella Bassa veronese: recuperato il cadavere

Torna su
VeronaSera è in caricamento