Fondazione Arena. PD: "L'accordo sindacale separato è una sconfitta politica"

Secondo Michele Bertucco ed Eugenio Bertolotti, l'accordo firmato solo dalla Cisl è inutile perché non permette di accedere ai finanziamenti della Legge Bray.

"L'accordo sindacale separato sulla Fondazione Arena è una sconfitta della politica perché non assolve agli obblighi previsti dalla legge Bray e non è quindi utile ai fini del salvataggio".

Critica la posizione del PD sulla proposta di risanamento di Fondazione Arena firmata da Cisl, ma non dagli altri sindacati. Un ampio fronte dei rappresentanti dei lavoratori non ha voluto cedere agli ultimatum del sindaco e senza la firma di tutti i sindacati non si potranno ricevere i finanziamenti della legge Bray. Le due parti sembrano ancora lontane, con i lavoratori che chiedono modifiche e i vertici che di modiche non vogliono sentir parlare. Ma per i consiglieri comunali PD Michele Bertucco ed Eugenio Bertolotti: "Non c'è altra via che proseguire sulla strada della trattativa per arrivare al risultato finale, ma continuare a ventilare la possibilità della messa in liquidazione dell'ente, ben sapendo che questo rappresenterebbe un colpo mortale per tutti, non fa bene né alla trattativa stessa né alla città".

"Con l'esclusione di licenziamenti e ricollocamenti si è fatto probabilmente un passo in avanti - commentano Bertucco e Bertolotti, riferendosi ad alcuni contenuti dell'accordo firmato solo da Cisl - ma quello che ancora manca è una maggiore condivisione dei sacrifici in quanto tutti i soldi necessari a sanare il bilancio vengono chiesti ai lavoratori mentre coloro che ci hanno guidato fino a questo punto non vogliono sentir parlare di responsabilità".

Nel mirino del PD dunque ancora i vertici di Fondazione Arena, già altre volte criticati. "Manca l'assicurazione - concludono Bertucco e Bertolotti - che i sacrifici richiesti non si rivelino vani tra qualche mese. Un piano di rilancio, unitamente alla ricostruzione delle competenze all'interno della Sovrintendenza, del Consiglio di indirizzo e del management aziendale, rappresentano passaggi obbligati anche al fine di creare un nuovo clima di fiducia e credibilità in grado di avvicinare alla Fondazione nuovi finanziatori sia pubblici che privati".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La città di Verona con le sue inestimabili meraviglie diventa protagonista in tv sulla Rai

  • A Verona la migliore escort dell'anno 2019: «Prima facevo l'aiuto cuoco»

  • Vince 75mila euro a L'Eredità e si taglia i capelli con Flavio Insinna

  • Possibili rischi per la salute, ritirato formaggio prodotto a Cerea

  • Donna morta annegata nella Bassa veronese: recuperato il cadavere

  • Omicidio a Verona: ammazza una 51enne e confessa due giorni dopo

Torna su
VeronaSera è in caricamento