Referendum sull'autonomia, le opposizioni: "Inutile e dispendioso"

Intanto però il ministro dell'interno Marco Minniti ha assicurato che gli organismi centrali e periferici dello Stato collaboreranno per il corretto svolgimento della consultazione

Le bandiere de Veneto, d'Italia e d'Europa

Gli organi centrali e periferici dello Stato collaboreranno per il corretto svolgimento del referendum del 22 ottobre sull'autonomia del Veneto. Lo ha garantito il ministro dell'interno Marco Minniti, mettendolo nero su bianco su una lettera arrivata al presidente della Regione Luca Zaia.

Un referendum consultivo che dunque procede spedito verso la sua realizzazione, nonostante i malumori della minoranza in consiglio regionale. "Costerà ai cittadini veneti 14 milioni di euro e anche in caso di vittoria del Sì il Veneto non diventerà autonomo - ha dichiarato la consigliera regionale del M5S Patrizia Bartelle - Per la proclamazione dell'autonomia del Veneto serve una legge dello Stato approvata a maggioranza assoluta da Camera e Senato. Affermare che si tratta di un referendum per l'autonomia è sbagliato perché, in realtà, si tratta di un sondaggio con il quale la Regione vuole verificare se vi sono i presupposti per presentare un'istanza allo Stato per chiedere maggiore autonomia legislativa su alcune materie. Sondaggio che non è neppure imposto, ma sarebbe sufficiente una concertazione che permetterebbe un risparmio di svariati milioni di euro dei cittadini veneti".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Patrizia Bartelle si lamenta anche del fatto che la Regione stia comunicando del referendum in tutti i modi, anche attraverso le Ulss. "Oltre al rammarico che provo nei confronti di questa scelta che considero poco corretta - ha dichiarato Orietta Salemi, consigliere regionale PD - mi domando perché Zaia abbia dato vita ad una propaganda così massiva sul voto di ottobre. Forse teme il flop per il referendum da lui tanto sbandierato? Forse non si fida dei cittadini veneti e teme una bassa affluenza alle urne? Se davvero pensa che questa consultazione sia la soluzione concreta al problema dell'autonomia, il presidente Zaia riempia di contenuti il quesito referendario. Così avrà un plebiscito, senza bisogno di una propaganda condotta su binari impropri".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Auto in fiamme dopo lo scontro con un autocarro: morta una donna

  • Morto in A22 a 37 anni: scoppiate le gomme posteriori, il furgone è diventato incontrollabile

  • Coronavirus: in Veneto nuovi casi positivi e ricoveri, 4 morti di cui 3 sono a Verona

  • Omicidio Micaela Bicego, trovata mannaia nello zainetto della vittima

  • Cosa fare a Verona e provincia durante il weekend dal 10 al 12 luglio 2020

  • Forti temporali attesi in Veneto: stato di attenzione anche nel Veronese

Torna su
VeronaSera è in caricamento