Montorio, PD: «La gestione del castello resti alle associazioni del territorio»

I consiglieri democratici hanno chiesto all'amministrazione comunale un impegno a «mantenere sul territorio la gestione del castello di Montorio, escludendo ogni possibilità di affidamento al mondo del privato profit»

Castello di Montorio (Foto di repertorio)

Sono scaduti i termini per la presentazione in Comune a Verona delle manifestazioni di interesse per la concessione in gestione dell'area del castello di Montorio e il Partito Democratico ha raccolto le lamentele di alcune associazioni locali che non hanno avuto abbastanza tempo per presentarsi con progetti adeguati. «Da molti anni in ottava circoscrizione la fitta rete dell'associazionismo porta avanti con fatica lodevoli progetti che mirano a coniugare la promozione sociale con la tutela del patrimonio storico-architettonico rappresentato dal castello», hanno fatto sapere i consiglieri PD della circoscrizione Carlo Beghini, Gianluca Stradiotto ed Enrica Rigo, insieme ai consiglieri comunali Federico Benini, Elisa La Paglia e Stefano Vallani e al segretario dell'ottavo circolo Luca Battisti.

Viste le attività delle associazioni e la presentazione di alcune manifestazioni di interesse, i consiglieri del PD chiedono che tutti i progetti pervenuti siano resi noti, ma soprattutto chiede all'amministrazione comunale un impegno a «mantenere sul territorio la gestione del castello di Montorio, escludendo ogni possibilità di affidamento al mondo del privato profit, prevedendo nell'affidamento anche la garanzia di accesso all'area alle associazioni dell'ottava circoscrizione che non hanno avuto la possibilità di partecipare al bando».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Se il territorio ha la forza e la volontà di prendersi cura delle propri gioielli sarebbe un controsenso escludere le realtà locali di volontariato per dare in appalto i nostri beni - concludono i demo - Sarebbe dunque più che mai opportuno che da parte di Palazzo Barbieri si sbloccassero finalmente i 100mila euro destinati proprio alla sistemazione del castello di Montorio che da anni continuano a slittare in bilancio. Ricordiamo che urgono interventi di riparazione per la polveriera. Non esiste solo Castelvecchio, anzi, è opportuno dare alla città l'opportunità di conoscere le bellezze che ciascun quartiere racchiude.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dramma familiare a Bardolino: «Vado al porto per farla finita», il biglietto trovato dal figlio 

  • Provincia baciata dalla fortuna al SuperEnalotto: vinti oltre 40 mila euro

  • Cardiologia di Verona verso il futuro: impiantato il primo pacemaker invisibile

  • La «protesta silente» che rischia di passare sotto silenzio andata in scena anche a Verona

  • Covid-19: un tampone positivo e un decesso nel Veronese, ma i dati restano positivi

  • 'Ndrangheta a Verona, blitz della polizia: 23 arresti e 3 obblighi di firma

Torna su
VeronaSera è in caricamento