Cercola, centro commerciale. PD: "La nuova amministrazione fermi tutto"

I consiglieri PD Vallani e Pozzerle: "Il nuovo assessore Segala ha dichiarato basta centri commerciali. Chiediamo allora una delibera per fermare la costruzione"

Centro commerciale (foto di repertorio - Wikimedia)

Per scongiurare la nascita di un nuovo centro commerciale a Verona Est erano state anche raccolte le firme dei cittadini, ma l'iter è andato avanti, fino agli ultimi giorni dell'amministrazione Tosi. Il consigliere comunale di opposizione Michele Bertucco lo ha chiamato "l'ultimo regalo di Tosi alla città", il nuovo centro commerciale alla Cercola, il cui progetto è stato approvato proprio negli ultimi giorni del secondo mandato tosiano.

"Ora la partita si gioca su due fronti - scrivono il consigliere comunale Stefano Vallani e il consigliere in settima circoscrizione Carlo Pozzerle, entrambi del PD e contrari al commerciale alla Cercola - Quello provinciale, dove il tutto deve essere sottoposto a valutazione di impatto ambientale, e sul tavolo dell'assessore Segala che ha già dichiarato basta centri commerciali".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L'Arpav, nel suo parere sulla valutazione ambientale strategica, ha parlato di peggioramento della qualità dell'aria, di aumento dell'inquinamento da rumore e di consistente perdita di suolo. "All'assessore Segala e al sindaco Sboarina chiediamo di intervenire al più presto, anche nelle preposte commissioni, e di ritirare la delibera approvata - hanno aggiunto Vallani e Pozzerle - Chiediamo che l'amministrazione predisponga una delibera per fermare la costruzione del nuovo centro commerciale e presenti il progetto in assemblea pubblica, in modo che i cittadini siano messi a conoscenza degli sviluppi urbanistici del territorio. Che sia fatta una valutazione dei costi/benefici sociali, ambientali e non solo economici. E che sia rivisto lo studio sulla viabilità considerando l'area compresa tra la rotonda di San Martino, i quartieri di Madonna di Campagna, San Michele e Fondo Frugose tenendo conto anche dei futuri insediamenti previsti".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sotto le vigne della Valpolicella a Negrar emerge un vero tesoro archeologico

  • Tragico incidente tra scooter e autocarro: morta una donna di 43 anni

  • Indagine nazionale di sieroprevalenza al coronavirus: ecco i Comuni veronesi coinvolti

  • Dramma familiare a Bardolino: «Vado al porto per farla finita», il biglietto trovato dal figlio 

  • In vigore la nuova ordinanza di Zaia e per la prima volta si parla di sagre e discoteche

  • Via libera a circoli culturali, baite alpini e parchi divertimento: ma quando riapre Gardaland?

Torna su
VeronaSera è in caricamento