PD provinciale di Verona oltre lo stallo, Maurizio Facincani candidato unitario

La segreteria provinciale del Partito Democratico potrebbe vedere la fine del commissariamento. «Da oggi si gioca a fidarsi gli uni degli altri, lasciandosi alle spalle dissapori e divergenze», ha detto Facincani

Maurizio Facincani (Foto Facebook)

Il Partito Democratico della provincia di Verona potrebbe essere alla fine del commissariamento. Lo stallo di questi anni in cui il partito è stato traghettato dal commissario Emanuele Fiano dovrebbe essere stato superato grazie alla convergenza sulla candidatura unitaria di Maurizio Facincani. «L'avvicinarsi delle scadenze congressuali non ha fatto altro che accelerare l'esito di un confronto in atto da ormai da molti mesi, nel corso del quale tutte le diverse sensibilità che compongono la comunità democratica veronese hanno avuto modo di confrontarsi e di arrivare ad una decisione», hanno fatto sapere dal PD provinciale di Verona.

Dopo aver preso in considerazione parecchi nomi, dunque, la convergenza è venuta sulla figura di Facincani, «in ragione della sua conoscenza del partito, del suo profilo di amministratore, della sua storia politica personale e delle capacità di confronto», spiegano dal PD. 

Da oggi si gioca a fidarsi gli uni degli altri, lasciandosi alle spalle dissapori e divergenze - ha detto Facincani - La mia segreteria non sarà larga, verrà però centrata su competenze specifiche. Soprattutto, sarà improntata su momenti di verifica dell'efficacia dell'azione politica. Con con ciò non intendo tanto la comunicazione, come va fin troppo di moda oggi, ma la capacità di produrre iniziative politiche sul territorio. Il partito si rilancia nel momento in cui si rianimano i circoli, questo straordinario strumento di partecipazione, caratteristica distintiva, ormai quasi esclusiva, del Partito Democratico.
Credo che nostro compito primario sia tornare a dare alle persone un motivo per appassionarsi alla politica e alla proposta del PD, senza raccontare favole, senza promesse a vuoto, ma con parole di verità e proposte concrete. Saremo attrattivi perché saremo concreti e credibili.
Verona si merita una realtà politica diversa, ma non ci limiteremo a dire dei no. Certi valori, giustizia, equità, democrazia, vanno al di là della mera appartenenza politica e noi saremo sempre pronti a difenderli e rilanciarli dal punto di vista della nostra cultura, progressista e riformista, senza dimenticare la nostra storia e la nostra gente.

Potrebbe interessarti

  • Piscina interrata: ecco la guida che vi svelerà tempi e costi

  • Formiche in casa? Ecco la guida che vi aiuterà a liberarvene

  • Da borgo Roma parte l'approccio multidisciplinare ai disturbi motori funzionali

  • Labbra sensuali e carnose: ecco i rimedi naturali per un super effetto volume

I più letti della settimana

  • Tragedia nel Veronese: muore dopo un incidente stradale in scooter

  • Cade dalla bici dopo essere arrivato al lavoro e muore davanti al padre

  • Poiano, uomo perde le vita in via Fincato nello scontro tra un'auto e una moto

  • Cosa fare a Verona e provincia durante il weekend dal 14 al 16 giugno

  • Rientra in hotel ubriaco, sbaglia stanza e picchia l'uomo che la occupa

  • Mamma dimentica le chiavi: bimbo di un solo anno resta chiuso in auto

Torna su
VeronaSera è in caricamento