Legittima difesa. I tosiani lanciano un petizione a favore del disegno di legge

La raccolta firme a sostegno del DDL ha preso il via su scala nazionale, con i vari comitati provinciali che coordineranno dei gazebi nelle piazze di tutta Italia

Immagine d'archivio

Fare! ha annunciato il via di una petizione nazionale a sostegno del DDL a prima firma dalla senatrice tosiana Raffaela Bellot in materia di legittima difesa: i vari comitati provinciali coordineranno dei gazebi nelle piazze di tutta Italia e sarà possibile sottoscrivere anche la petizione on-line passando dal sito www.farecontosi.it o dalla pagina Facebook del movimento.

“Abbiamo presentato un disegno di legge snello, incisivo e circoscritto – spiega la Bellot - in cui si fa richiesta di modifica di 3 articoli del codice penale (artt.52, 55, 59) vigente: il DDL chiede l'introduzione della non punibilità per chi, minacciato o aggredito in casa propria, in stato di turbamento, paura o panico reagisca alla minaccia”. Nella sostanza il DDL Bellot chiede al Legislatore di fare in modo che l'introduzione forzata e l'aggressione in casa propria, con conseguente stato di paura o panico, siano sempre ritenute scriminanti sufficienti a determinare la non imputabilità di chi si difende.

“Il tema è complesso, divide l'opinione pubblica e – continua la Bellot- non sarà certo risolto in toto da questo disegno di legge. Tuttavia, nell'attesa di una società perfetta in cui nessuno si sentirà mai più minacciato, credo doveroso dare a chi, in casa propria, per istinto, in angoscia per sé e la propria famiglia si trova a dover reagire, la possibilità di potersi difendere senza temere anche ripercussioni legali”.

“Oggi - conclude - la legge pretende che siamo sempre in grado di valutare lucidamente e rapidamente i limiti di proporzione tra offesa e difesa e di recuperare senza incertezze i parametri esatti dei presupposti previsti per legge. La casa è il porto sicuro dove ciascuno di noi abbassa le difese e custodisce gli affetti più cari. Siamo umani, non macchine. Chiediamo di non essere puniti per questo”.

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Perquisito Giudice onorario a Verona: presunti reati contro la pubblica amministrazione

  • Cronaca

    Incendio a Povegliano: Arpav pubblica i rapporti relativi alla ricerca di amianto

  • Cronaca

    Vinitaly, fermati 16 bagarini. E per la prima volta applicato il Daspo Urbano

  • WeekEnd

    Cosa fare a Verona e provincia durante il weekend dal 20 al 22 aprile 2018

I più letti della settimana

  • Domato l'incendio di Povegliano, tecnici Arpav al lavoro: "State in casa con le finestre chiuse"

  • Incendio in una ditta per la gestione dei rifiuti: massiccio intervento dei pompieri

  • Quattro medici di Verona inseriti nella lista dei trenta migliori di tutta Italia

  • Tragico scontro nelle strade di Bussolengo: morto sul posto un motociclista

  • Muore dopo un intervento al ginocchio eseguito a Negrar. Aperta un'indagine

  • Incendio a Povegliano, mezza provincia a finestre chiuse: "A scuola niente ricreazione"

Torna su
VeronaSera è in caricamento