Catullo ancora chiuso e Lega all'attacco: «Chiediamo garanzie per il futuro»

I parlamentari veronesi Paolo Paternoster e Roberto Turri hanno inviato formale richiesta di incontro al presidente del Catullo, Paolo Arena, ed al socio di riferimento Save

Foto di repertorio

Ancona, Bari, Bergamo-Orio al Serio, Bologna, Cagliari, Catania, Firenze-Peretola, Genova, Lamezia Terme, Lampedusa, Milano Malpensa, Napoli Capodichino, Olbia, Palermo, Pantelleria, Pescara, Pisa, Roma Ciampino, Roma Fiumicino, Torino e Venezia Tessera. Manca ancora il nome di Verona in quello delle città italiane che hanno potuto riaprire i loro aeroporti.
Il Catullo è stato chiuso insieme a molti altri aeroporti lo scorso il 14 marzo scorso per l'emergenza coronavirus. All'inizio della Fase 2, il 4 maggio, alcuni scali sono stati riaperti con un decreto dei ministri Paola De Micheli e Roberto Speranza, rispettivamente responsabili dei trasporti e della salute nel Governo Conte, ma l'aeroporto di Verona è rimasto ancora chiuso. Ieri, 18 maggio, è iniziata la Fase 2 bis e i ministri De Micheli e Speranza hanno sottoscritto un nuovo decreto, che prolunga ancora la chiusura dell'aeroporto Catullo. E dunque continua la battaglia politica della Lega per la sua riapertura.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Paolo Borchia, eurodeputato veronese della Lega e membro della commissione trasporti a Bruxelles, chiede: «Le compagnie principali non stanno volando dal Catullo, cosa sta facendo Save per rendere il nostro aeroporto appetibile e attrattivo?». Non sono dunque indirizzati al Governo gli attacchi dei leghisti, ma al socio privato che insieme ai partner pubblici gestisce lo scali. «Il lago di Garda è una meta molto più ricercata dai turisti tedeschi rispetto a Venezia; ma Air Dolomiti, prima che dal Catullo, riprenderà ad operare su Monaco dal Marco Polo, da Bologna e da Firenze - prosegue Borchia - S7, vettore da 150.000 passeggeri capace di raggiungere ben 5 voli giornalieri con la Russia nel 2019, ha cancellato il collegamento da San Pietroburgo, mentre Cyprus non opererà il volo per Larnaca previsto per l'estate. E da parte di Save? Solo silenzio ed evidente disinteresse per la ripresa dei collegamenti. Il territorio veronese, dal punto di vista economico, ha un bacino più attrattivo di quello veneziano e la scarsa offerta di voli vanifica tale dinamismo».
Nel frattempo i parlamentari veronesi Paolo Paternoster e Roberto Turri hanno inviato formale richiesta di incontro al presidente del Catullo, Paolo Arena, ed al socio di riferimento Save. «La volontà - spiegano - è quella di chiedere quali garanzie e quali prospettive potranno esserci già nell'immediato per assicurare un futuro adeguato allo scalo veronese. A questo incontro hanno già chiesto di partecipare tutti i parlamentari della Lega che fanno parte dell'area del Garda e quindi i colleghi bresciani, trentini e mantovani».

Allegati

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sotto le vigne della Valpolicella a Negrar emerge un vero tesoro archeologico

  • Ricercato in tutta Europa, viene scoperto ed arrestato dai carabinieri di Legnago

  • Movida in Erbe a Verona: immagini denuncia sui social (e le webcam registrano tutto)

  • Tragico incidente tra scooter e autocarro: morta una donna di 43 anni

  • Indagine nazionale di sieroprevalenza al coronavirus: ecco i Comuni veronesi coinvolti

  • In vigore la nuova ordinanza di Zaia e per la prima volta si parla di sagre e discoteche

Torna su
VeronaSera è in caricamento