Fratelli d'Italia, novità e polemiche. Donazzan: «Nessuna via per Togliatti»

Pare che la proposta di intitolare delle strade alla guida storica del Partito Comunista Italiano sia giunta da alcuni nuovi membri del partito della Meloni, Bassi e Casali. L'assessore regionale: «Offensivo e inaccettabile»

Palmiro Togliatti

Novità e polemiche nella porzione veneta di Fratelli d'Italia. Il gruppo in consiglio regionale del partito di Giorgia Meloni si è allargato grazie alla Brexit. Dal Parlamento Europeo, infatti, sono usciti gli eletti dell'Inghilterra e questo ha aperto le porte ad alcuni non eletti di altri paesi. Tra questi, il consigliere regionale Sergio Berlato che ha lasciato il suo scranno a Venezia ed è volato a Bruxelles. Il suo posto è stato preso da Joe Formaggio, che si è unito ai veronesi Andrea Bassi e Stefano Casali nel gruppo di Fratelli d'Italia in Regione Veneto.

Gruppo che si è subito attivato per una benemerita battaglia toponomastica. «Riteniamo che il consiglio regionale debba esprimersi per impegnare la giunta a sensibilizzare le amministrazioni comunali affinché nelle nuove lottizzazioni sia prevista l'intitolazione di una via ad Anna Frank», hanno dichiarato i tre consiglieri regionali. E il loro suggerimento è stato subito recepito a Verona dove il consigliere comunale di Verona Domani Massimo Paci ha depositato una mozione che porti all'intestazione di una via ad Anna Frank nelle nuove lottizzazioni.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Ma è un'altro presunto suggerimento toponomastico che ha creato un po' di subbuglio in Fratelli d'Italia. Pare infatti che Bassi e Casali abbiano proposto anche di intitolare delle vie a Palmiro Togliatto. «Spero vivamente che Bassi si sia sbagliato - ha commentato l'assessore regionale ed esponente di Fratelli d'Italia Elena Donazzan - Togliatti è un uomo che si asservì al carnefice Tito e ai suoi sanguinari partigiani, e che fu responsabile della morte dopo atroci sofferenze di migliaia e migliaia di soldati italiani, in particolare Alpini, abbandonati scientemente nei gulag comunisti. Trovo offensivo e inaccettabile che qualcuno, appena entrato in un partito di destra, come prima iniziativa politica decida di provare a "far notizia" con un paradosso».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, nel Veronese le persone "positive" sfiorano le 1800 unità

  • A Verona 5 nuovi morti positivi al coronavirus: crescono a 514 i ricoveri, di cui 103 in intensiva 

  • Tre nuovi morti positivi al coronavirus a Verona: toccata quota 100 ricoveri in intensiva

  • «Focolaio di Coronavirus nel carcere di Verona: una quindicina di agenti positivi»

  • In Veneto 125 minorenni positivi al coronavirus, 18 sono veronesi

  • Un successo la spesa a Km Zero a domicilio dei produttori veronesi

Torna su
VeronaSera è in caricamento