Appello Pd: "Privatizzare la lirica? La Camera di Commercio si esprima chiaramente"

"In quanto rappresentante delle categorie che maggiormente beneficiano della stagione lirica - spiegano i Consiglieiri Bertucco e Bertolotti - la Camera di commercio dovrebbe dire se intende fare tutto quanto è in suo potere per sostenere il rilancio della Fondazione Arena"

"Risulta francamente difficile comprendere le motivazioni della Camera di Commercio sulla revoca del contributo straordinario di 500 mila euro in favore della Fondazione Arena". Da questa primaria considerazione partono i consiglieri comunali del Partito Democratico Eugenio Bertolotti e Michele Bertucco, i quali senza troppi fronzoli chiamano direttamente in causa l'ex Sovrintendente Girondini: "Dovrebbe bastare ricordare che il primo a mettere da parte il piano industriale di Kpmg, da lui stesso commissionato e costato all'ente svariate decine di migliaia di euro, fu l’ex Sovrintendente Francesco Girondini nell’ambito di un Consiglio di Indirizzo in cui la presenza del rappresentante della Camera di Commercio non era estranea".

Ma il vero appello/rimprovero i due consiglieri lo rivolgono alla Camera di commercio locale, rea secondo i due esponenti del Pd di non aver ancora preso una posizione netta circa l'eventuale privatizzazione di Fondazione Arena: "Il commissario straordinario, che è arrivato dopo e che ha trovato una situazione disperata, ha bypassato il piano a fronte della necessità di adottare provvedimenti ben più pesanti di quelli precedentemente previsti, marcando tuttavia, a nostro avviso, una determinate rottura col passato in termini di credibilità, come del resto ha poi confermato anche il voto favorevole dei lavoratori al secondo referendum. Pertanto, in una situazione come quella attuale, che è ancora di emergenza, occorrerebbe andare al di là dell’interpretazione letterale delle delibere. In quanto rappresentante delle categorie che maggiormente beneficiano della stagione lirica, la Camera di commercio dovrebbe dire se intende fare tutto quanto è in suo potere per sostenere il rilancio della Fondazione Arena, oppure, come sostengono alcuni, se anche lei vede un futuro di privatizzazione della lirica. La stessa questione si pone a tutti i principali attori della città, a partire dal Comune e Agsm che più volte hanno manifestato l’intenzione di togliere il necessario sostegno. Occorre essere chiari, i lavoratori e l’istituzione non meritano di essere presi per inedia".
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Va allo Spi per un controllo: 70enne scopre che l'inps gli deve quasi 37 mila euro

  • Protagonista del servizio di "Striscia la Notizia", aggredito e derubato in città

  • Illasi, non digerisce un commento negativo della suocera e l'accoltella

  • Omicidio di Isola Rizza ripreso dalle telecamere: il cerchio inizia a stringersi

  • Boato nella notte a Verona: bancomat assaltato e ladri in fuga col denaro

  • Controlli notturni dei carabinieri di Legnago e San Bonifacio per contrastare i furti in casa

Torna su
VeronaSera è in caricamento