Elezioni amministrative, ballottaggio a San Bonifacio, Pescantina e Negrar

Solo a Legnago vittoria al primo turno per il candidato sindaco della Lega. A San Bonifacio il sindaco uscente Provoli parte in vantaggio, mentre a Pescantina e Negrar la riconferma è più difficile

(Foto di repertorio)

Oltre alle elezioni europee, in provincia di Verona si è votato anche per rinnovare le amministrazioni di 49 comuni (Qui tutti i risultati). Tra questi comuni, solo quattro hanno una popolazione superiore ai 15mila abitanti e quindi i candidati sindaco avevano bisogno di superare la soglia del 50% dei consensi per essere eletti. Senza la maggioranza assoluta dei voti, scatta il ballottaggio, programmato dal Ministero dell'interno per il 9 giugno.
E ballottaggio sarà per tre comuni su quattro. Solo a Legnago un candidato sindaco ha vinto al primo turno, mentre a San Bonifacio, Pescantina e a Negrar di Valpolicella servirà una nuova elezione a cui parteciperanno i due candidati sindaco che hanno preso più voti domenica 26 maggio.

LEGNAGO

«Dopo mille polemiche sterili, a Legnago hanno vinto i contenuti e i progetti concreti per il territorio. Uno storico risultato politico per la Lega. Ora si inizia a lavorare con una squadra seria e competente di veri leghisti per il bene dei legnaghesi». Così la segreteria provinciale della Lega ha commentato la vittoria di Graziano Lorenzetti, il quale era sostenuto anche da Fratelli d'Italia, Scelgo Legnago e Lista Lorenzetti Sindaco. Con 7.407 voti, Lorenzetti ha vinto con una percentuale del 53,15% dei consensi, diventando quindi sindaco di Legnago senza passare dal ballottaggio. «Una gioia infinita - ha commentato il nuovo sindaco di Legnago - Ora facciamo ripartire la nostra città».
Il secondo più votato è stato il candidato sindaco Silvio Gandini sostenuto da Legnago Futura, Liberinsieme e da Per una città in comune. I suoi 4.346 voti sono valsi in percentuale il 31.19%. Sarebbe stato abbastanza per accedere al ballottaggio, se Lorenzetti non avesse superato il 50%. «Ugualmente grazie - ha dichiarato Gandini - Abbiamo creduto e crediamo nel progetto civico costruito. Avremo tempo e modo per analizzare la sconfitta, ma quello che mi rende felice è vedere tanti giovani raccogliere consensi, avendo messo in gioco idee e buona volontà. Dobbiamo partire dal loro entusiasmo, dal loro valore per gettare la basi di una nuova prospettiva per la città. Ai nuovi amministratori rivolgo i miei complimenti per il risultato. A Lorenzetti e la sua squadra auguro un buon lavoro. Noi faremo un'opposizione forte, per il bene della comunità e dei legnaghesi».

SAN BONIFACIO

Il 9 giugno sarà testa a testa tra il sindaco uscente Giampaolo Provoli ed Emanuele Ferrarese. Provoli parte con un leggero vantaggio, avendo raccolto domenica 4.901 (47.17%), ma Ferrarese conta di raccogliere al secondo turno più dei 4.040 voti presi al primo turno.
«Siamo onorati e orgogliosi del consenso che ci avete riservato e vi esortiamo e invitiamo a riconfermare il vostro voto fra 15 giorni al ballottaggio del 9 giugno - si legge sulla pagina Facebook Giampaolo Provoli Sindaco - La strada è ancora in salita, ma forti del vostro aiuto tutti noi della coalizione confidiamo ancora nel vostro sostegno».
«Ringrazio i sambonifacesi che mi hanno dato il loro voto e sono convinto che molti altri mi accorderanno la loro fiducia facendo una scelta di cambiamento e di buonsenso», è stato il commento di Ferrarese.

PESCANTINA

Come a San Bonifacio, anche a Pescantina sarà ballottaggio tra il sindaco uscente e il suo principale avversario. Con la differenza che a Pescantina, il sindaco Luigi Cadura partirà dalla scomoda posizione di chi deve rimontare lo svantaggio. Davide Quarella con 4.540 voti ha sfiorato la vittoria al primo turno (47.06%), e ha un buon margine di vantaggio su Cadura che di voti ne ha ricevuti 2.992.
«A volte mille parole non bastano per esprimere quello che si prova - ha commentato Quarella a nome di tutta la sua coalizione - Tutto quello che avete fatto per noi è stato fantastico. E siccome non sappiamo cosa dirvi, usiamo solo una parola detta col cuore: Grazie».
«Grazie a tutti quei 2.992 che ci hanno sostenuto in questo primo turno - ha detto Cadura - Ora ci prepariamo per il secondo».

NEGRAR DI VALPOLICELLA

Anche a Negrar, come a Pescantina, il sindaco uscente Roberto Grison dovrà recuperare terreno sullo sfidante Marco Andreoli. Grison dovrà ripartire dai 4.464 voti (45.73%) raccolti domenica e dovrà crescere se vuole riprendere Andreoli che per uno 0,43% non è riuscito a vincere al primo turno con 4.839 preferenze.
«Grazie ai negraresi che ci hanno dato fiducia - è stato il ringraziamento di Andreoli - Ora siamo pronti per affrontare questa nuova sfida». E anche la coalizione di Grison ha ringraziato i cittadini che hanno votato per la riconferma del sindaco uscente. «E un immenso grazie per chi lo farà anche domenica 9 giugno», ha aggiunto.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Investito da un treno a Balconi di Pescantina: caos e disagi in stazione

  • Cosa fare a Verona e provincia durante il weekend dal 18 al 20 ottobre 2019

  • Col furgone tampona mezzo pesante in A22, muore giovane veronese

  • Veronese violentata dopo una serata al Mascara, arrestato il branco

  • Volotea, due nuove rotte dal Catullo e l'offerta biglietti sfiora il milione

  • Quaterna fortunata messa a segno in provincia: vinti oltre 50 mila euro

Torna su
VeronaSera è in caricamento