Analisi del voto: exploit di Battiti, Lista Tosi la più votata. Delude la Lega, il Pd in calo

I voti delle singole liste nelle tre principali coalizioni che si sono affrontate alle Amministrative

foto Eligendo, Ministero dell'Interno

Analizzando il voto veronese che ha visto la vittoria al primo turno di Federico Sboarina e guadagnarsi l'accesso al ballottaggio Patrizia Bisinella, emergono alcuni dati interessanti.

La Lista civica che appoggiava Sboarina unendo le forze politiche di Battiti e Verona Domani ha senz'altro raggiunto un risultato sorprendente con ben 14.998 voti pari al 13.66% delle preferenze. Al seguito nella coalizione vi sono una deludente Lega Nord che ha portato solo 9.726 voti (8,86%), calando vistosamente rispetto ai 13.065 voti (10,72%) delle elezioni nel 2012. Di male in peggio Forza Italia che ha portato al candidato Sboarina 3767 voti con una percentuale del 3,43%, mentre Fratelli d'Italia ha fatto contare 3010 voti (2, 74%). In coda Verona più sicura (0,38%), Indipendenza Noi Veneto (0,36%) e Pensionati (0,29%).

Per quanto riguarda il raggruppamento del sindaco uscente, il botto, come ampiamente previsto, lo ha fatto la Lista Tosi portando a casa 18.075 voti pari al 16,46% delle preferenze, risultando in termini assoluti la lista più votata dell'intera tornata elettorale. La Lista civica Ama Verona ha portato a casa 4.637 voti (4,22%), mentre Fare! ne ha ottenuti 2.951 (2,68%). Seguono con percentuali molto più basse le altre forze: Verona si muove (0,29%), Pensionati Veneti (0,29%), CSU (0,22%), la Voce della gente (0,12%).

Dalle parti di Orietta Salemi le cose sono andate male rispetto alle previsioni, con il Partito Democratico che ha saputo mettere insieme 17.435 voti (15,88%) rispetto ai 18.075 del 2012 quando però la percentuale media fu comunque minore attestandosi al 14,84%. Delle due Liste civiche che appoggiavano Salemi, Verona Civica Salemi Sindaco ha garantito alla candidata Pd 5603 voti (5,10%), mentre decisamente più scarso è stato l'apporto di Eppur si muove con soli 909 voti e lo 0,83%.

Altro dato interessante sono i voti di preferenza espressi dai cittadini, in netto calo rispetto alle scorse consultazioni, ma ancora polarizzati sul sindaco uscente Flavio Tosi che ha ottenuto 3079 preferenze. Sul secondo gradino di questa singolare classifica si colloca invece Marco Padovani della Lista Battiti per Verona con un totale di 1063 preferenze, mentre terza classificata è stata Elisa La Paglia con 1020.

Potrebbe interessarti

  • Capelli verdi dopo il bagno in piscina? Ecco le cause e i rimedi fai da te

  • La clinica San Francesco riconosciuta dalla regione Veneto come “struttura di riferimento per la chirurgia robotica ortopedica”

  • Mercato immobiliare sul Lago di Garda: Peschiera al primo posto

  • "Benvenuto": il nuovo vademecum su come affrontare i primi due anni del bebè

I più letti della settimana

  • Cosa fare a Verona e provincia durante il weekend dal 16 al 18 agosto 2019

  • Maestre diplomate ma non laureate, a Verona centinaia rischiano il posto

  • Due persone investite da due diversi treni sulla linea Verona - Brescia

  • Donna fermata mentre va al lavoro da un giovane che le mostra i genitali

  • Prima il boicottaggio, poi la manifestazione contro Polunin in Arena

  • Frontale tra auto sul lago: morta una persona e altre due rimaste ferite

Torna su
VeronaSera è in caricamento