Doppi incarichi, Verona Domani: "Bertacco rimanga a fare l'assessore"

Casali e Gasparato: "Noi non abbiamo chiesto la testa di nessuno. I cittadini hanno il diritto di avere assessori che si dedichino ai loro problemi e alle loro necessità a tempo pieno"

Stefano Casali

Continua il dibattito interno al centrodestra veronese sui doppi incarichi. Ci sono assessori o consiglieri comunali che lo scorso 4 marzo sono stati eletti in Parlamento e che vorrebbero mantenere sia l'incarico locale sia quello nazionale. La legge non lo vieta, a patto che si percepisca un solo compenso. Ma per alcuni partiti, come la Lega o Verona Domani, è una questione di etica politica. La motivazione principale, in poche parole, è che solo svolgendo un incarico, questo può essere portato a termine al meglio.

Nel dibattito si è anche intromesso Fare!, il partito di Flavio Tosi, che ha bisticciato con la Lega e ha insinuato che la battaglia dei contrari al doppio incarico in realtà è motivata da interessi di bottega. L'intento finale sarebbe quello di spingere a Roma gli eletti in Parlamento, in modo da liberare poltrone a livello locale da poter distribuire ad altri fedelissimi. Ma su questo punto Matteo Gasparato e Stefano Casali di Verona Domani vogliono sgombrare ogni dubbio.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Verona Domani non ha mai chiesto la testa dell'assessore Bertacco, chiede anzi l’esatto contrario - scrivono Gasparato e Casali - Bertacco è considerato un ottimo assessore alle politiche sociali, sia dal punto di vista amministrativo, che dal punto di vista umano. Il suo assessorato è decisamente delicato e strategico per ogni amministrazione e per la nostra in particolare. Vogliamo che resti a fare l'assessore a tempo pieno, perché la sua figura è sicuramente adeguata e sul suo nome nessuno ha mai mosso obiezioni o critiche. Ovviamente il ruolo di senatore, che Bertacco in precedenza ha già ricoperto, è sicuramente prestigioso. Ma per noi di Verona Domani quello di assessore al sociale lo è ancora di più, perché va a gestire problematiche molto serie e a volte purtroppo anche drammatiche dei nostri concittadini. Proprio i cittadini hanno il diritto di avere assessori che si dedichino ai loro problemi e alle loro necessità a tempo pieno, senza impegni politici di altra natura.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sotto le vigne della Valpolicella a Negrar emerge un vero tesoro archeologico

  • Dramma familiare a Bardolino: «Vado al porto per farla finita», il biglietto trovato dal figlio 

  • Tragico incidente tra scooter e autocarro: morta una donna di 43 anni

  • Indagine nazionale di sieroprevalenza al coronavirus: ecco i Comuni veronesi coinvolti

  • In vigore la nuova ordinanza di Zaia e per la prima volta si parla di sagre e discoteche

  • Via libera a circoli culturali, baite alpini e parchi divertimento: ma quando riapre Gardaland?

Torna su
VeronaSera è in caricamento