Fallisce Melegatti, Salemi: "Serve Task force preventiva per giocare d’anticipo sulle crisi"

"La crisi della Melegatti - ha dichiarato l'esponente Pd Salemi - deve essere l’occasione per comprendere che serve rilanciare l’intero sistema per evitare un tragico film già visto"

«La crisi della Melegatti è l’ennesima crisi aziendale in Veneto. Un film già visto anche in altre realtà, penso alla Lovato Gas a Vicenza, la Nuova Marelli ad Arzignano, in provincia di Vicenza, alla GlaxoSmithKline a Verona. Un marchio storico, un brand appetibile, diversi soggetti di mercato interessati, e nonostante questo un fallimento dovuto a litigi e inadeguatezze delle dirigenze. Se vogliamo superare queste continue crisi gestite all’ultimo, è necessario che la Regione metta in campo un’interlocuzione autorevole; si può infatti avere un ruolo di terzietà per garantire l’interesse sociale, salvaguardare il brand, l’occupazione del territorio. Come fare? Attraverso una sorta di task force per agire a tutto campo sul tema della prevenzione, giocando in anticipo. Serve un vero e proprio osservatorio che contribuisca a costruire una “cultura della crisi”, con centri studi sul territorio per istituzionalizzare forme di collaborazione con il mondo della finanza, i grandi istituti bancari, interventi con strumenti normativi a supporto della gestione della crisi d’impresa». Così la vice-capogruppo del Pd Orietta Salemi sul caso delle crisi aziendali e del fallimento della Melegatti.

«La nuova legislazione sulla trasparenza dei bilanci, sulle responsabilità del collegio dei sindaci revisori va già in questa direzione. E la Regione Veneto - prosegue Salemi - deve esercitare modalità di accompagnamento anche attraverso il suo ente strumentale, vocato a questa missione, che è Veneto Sviluppo. Questo per evitare di intervenire sempre in ritardo, dopo che il danno rischia di risultare irreversibile e l' unico stucchevole strumento resta la mozione di solidarietà a lavoratori ed aziende. I buoi vanno presi prima che siano scappati dal recinto».

«A questo riguardo – continua Salemi - Melegatti ha bisogno di un soggetto autorevole che eserciti una moral suasion su soggetti industriali che ancora forse mostrano interessamento. E la Regione può essere questo soggetto. La crisi della Melegatti deve essere però l’occasione per comprendere che serve rilanciare l’intero sistema per evitare un tragico film già visto. Su questo tema è interessante l’esempio dell’Emilia Romagna che ha finanziato dei fondi per la internazionalizzazione - avvalendosi anche del contributo di competenza della associazione italiana di categoria di Temporary management che interviene sul tessuto industriale dei territori aiutando a leggere dove c'è margine di investimento e recupero delle aziende  o dove ci sono i rami secchi che portano a situazioni irreversibili. La Regione Veneto – conclude Salemi – si attivi quanto prima per muovere forze che investano energie e competenze in un lavoro di prospettiva. I lavoratori e le famiglie, hanno il diritto di avere una prospettiva».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Auto con tre giovani a bordo finisce fuori strada e contro un albero: tutti morti sul colpo

  • Luca, Francesca e Chiara: i tre giovani morti nell'incidente di Bonavigo

  • Due nuove destinazioni dall'aeroporto Catullo di Verona per chi vola con easyJet

  • Ha un nome il corpo trovato in A4: tocca alla Polstrada risolvere il giallo

  • Autovelox e telelaser, le strade di Verona controllate dalla polizia locale

  • La vera storia di Santa Lucia, secondo la leggenda nata a Verona

Torna su
VeronaSera è in caricamento