Cortina 2026, Conte promuove la chiusura in arena. Casali: «Era ora»

Il consigliere regionale ha commentato le dichiarazioni del primo ministro: «Finalmente anche il premier capisce l’importanza di un evento mondiale di tali dimensioni per Verona, per il Veneto e per l’Italia intera»

Stefano Casali

Dopo mesi di silenzio, disinteresse, se non addirittura di ostruzionismo politico ed economico, finalmente anche il premier Conte capisce l’importanza di un evento mondiale di tali dimensioni per Verona, per il Veneto e per l’Italia intera, auspicando e mostrandosi ottimista sulla buona riuscita dell’operazione Cortina 2026 e soprattutto rimarcando l’incredibile scenografia monumentate, artistica e scenografica della chiusura dei giochi in arena. Era ora. Ma, sappia Conte, che se l’operazione andrà in porto il merito sarà quasi unicamente del governatore Zaia che fin da subito ha creduto nell’importanza e nella bontà del progetto Cortina 2026, a differenza delle perplessità dello stesso premier e dei fortissimi ostruzionismi targati 5 Stelle.

Così il consigliere regionale Stefano Casali commenta le dichiarazioni del primo ministro Giuseppe Conte, che mercoledì ha auspicato durante un'intervista alla Gazzetta dello Sport la buona riuscita delle Olimpiadi in terre lomdardo-venete, rimarcando le capacità organizzative del nostro Paese e sottolineando la maestosità e la bellezza delle montagne dolomitiche e della cornice dell’arena.

Le Olimpiadi rappresentano una storica occasione per la crescita economica e turistica per tutta la città e la provincia veronese, un’incredibile vetrina che darà visibilità a livello internazionale ai gioielli, ai monumenti e alle specificità del nostro territorio. Un importantissimo indotto occupazionale per migliaia di persone. Ha ragione Conte, meglio tardi che mai. L’arena è una cornice unica al mondo, che può e deve raccogliere questa irripetibile sfida che va oltre i confini sportivi. Le Olimpiadi in Veneto e Lombardia rappresentano non solo un progetto territoriale, ma un evento che aprirà l’intera nazione al mondo. Ci auguriamo che alle parole del premier seguano i fatti - conclude Casali - Avanti tutta quindi su Verona e sulla chiusura dei giochi in Arena, a prescindere da colori politici e da rivalità di campanile.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: l'Esu di Verona chiude «aule studio, ristoranti e zone pertinenti»

  • Morto a 53anni sulla A22: forse un colpo di sonno la causa dello schianto

  • Coronavirus. Dopo il chiarimento della Regione, ecco cosa è ammesso a Verona e cosa no

  • Musicista torna in Molise da Verona: «Per il coronavirus, prevenzione bassa»

  • Lessinia e Valpantena, ci sono offerte di lavoro ma sono senza risposta

  • Auto si schianta contro un tir sulla A22: perde la vita un uomo di 53 anni

Torna su
VeronaSera è in caricamento