Copertura dell'Arsenale, PD: "Non è originale e lascia molte perplessità"

Il consigliere comunale Elisa La Paglia ha trovato un progetto simile in Polonia: "Ma in quel contesto ha senso. A Borgo Trento cosa rappresenta?"

Partito Democratico ancora all'attacco del progetto di riqualificazione dell'Arsenale. Un progetto definito sbagliato, osteggiato anche dal comitato cittadino Arsenale, e che per il consigliere comunale PD Elisa La Paglia non sarebbe neanche così tanto originale. "La tanto decantata copertura in vetro e ceramica sulla corte centrale sarebbe molto simile ad altre recenti realizzazioni architettoniche in giro per l’Europa, in particolare assomiglierebbe molto al bel progetto eseguito dallo studio Barozzi-Veiga per la Philharmonic Hall di Szczecin (Stettino) in Polonia. Il confronto indebolisce gli argomenti che fino ad oggi ci avevano parlato dell’unicità e dell’esclusività di questa soluzione".

L'intervento di La Paglia entro poi nel merito del progetto: "In quel contesto le punte richiamano giustamente le caratteristiche inclinazioni delle coperture degli edifici tradizionali di quella città, mentre da noi, a Borgo Trento cosa ci rappresentano? Non abbiamo le Alpi in vista come in Trentino, richiamate dai profili del Muse, i nostri monumenti e gli edifici tradizionali hanno una impronta romana, veneziana o austriaca. Ecco forse spiegate le perplessità e la sensazione di estraniamento provata di molti veronesi di fronte a questa soluzione. Con ciò non pretendo di trovare sensibilità in una giunta che promuove anche la copertura dell’Arena e di Via Mazzini, però ribadisco che sarebbe certamente utile discuterne con la città".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Cosa fare a Verona e provincia durante il weekend dall'8 all'11 novembre 2019

  • Terribile frontale tra auto e camion nella notte: perde la vita un 34enne

  • Signora arrestata per furto di profumi nel centro commerciale "Porte dell’Adige"

  • Accoltellamento a Verona, un uomo in ospedale: caccia agli aggressori

  • Con il dottor Claudio Zorzi dell'ospedale di Negrar l'Ortopedia veronese ai vertici in Italia

  • Operato a Verona, un paziente ringrazia: «Ho finalmente rivisto la luce»

Torna su
VeronaSera è in caricamento