Controlli in uscita ai varchi Ztl e multe, Flavio Tosi attacca: «Ennesima tassa per i veronesi»

Contro l'amministrazione l'ex sindaco Flavio Tosi sul tema Ztl: «Il Comune vuole fare cassa sulla pelle dei veronesi, di chi lavora, è questa la cosa più irritante e insopportabile»

L' ex sindaco Flavio Tosi

Da venerdì 1° febbraio, sono scattate le prime (potenziali) sanzioni per tutti gli automobilisti che non rispettano gli orari di uscita dalla Zona a Traffico Limitato del centro storico. Gli implacabili occhi elettronici posizionati ai varchi di via Nizza, ponte Garibaldi e piazzetta Municipio, hanno infatti iniziato ad incamerare i dati delle targhe dei contravventori e, a breve, saranno recapitate le multe.

A stabilire gli orari di accesso e di permanenza nella Ztl è un’ordinanza in vigore dal 2014, ma la novità dell'anno è stata appunto quella di effettuare le verifiche anche "in uscita". Un inasprimento dei controlli contro i "furbetti" delle Ztl che non ha mancato di provocare qualche polemica a livello politico. L'ex sindaco di Verona Flavio Tosi, in particolare, si è detto recisamente contrario, se non al provvedimento stesso, quanto meno alle sue relative modalità di attuazione: «Attivare i varchi in uscita senza pensare a delle specifiche finestre per venire incontro alle esigenze di chi in centro lavora e dalla Ztl entra ed esce continuamente, - ha dichiarato Tosi - non per capriccio ma per dovere professionale, che siano commercianti, esercenti o lavoratori dipendenti, significa voler legalmente defraudare i cittadini». 

Insomma, non usa mezze parole Tosi nell'attaccare l'amministrazione del suo successore Federico Sboarina, arrivando persino a paragonare l'attivazione delle telecamere in uscita dei varchi Ztl a una sorta di nuova tassa: «In due giorni sono già più di 200 le probabili multe. - ha aggiunto Tosi - Si conferma quanto avevamo previsto: il provvedimento di Sboarina & C è di fatto l'ennesima tassa sui cittadini veronesi. Del resto questa è l'amministrazione delle tasse, tra aumenti dei ticket dei bus, dei plateatici, della tassa di soggiorno e con sempre in silente agguato il possibile aumento della Tari». 

Va comunque ricordato che per chi non dispone del pass, l’accesso è consentito dalle 10 alle 13.30 e dalle 16 alle 18, nei giorni feriali, e dalle 10 alle 13.30, nei festivi. È inoltre possibile prenotare l’accesso alla Ztl, da lunedì a venerdì, nella fascia oraria dalle 20 alle 22 e fino ad un massimo di 150 ingressi. I mezzi privi di autorizzazione non possono rimanere all’interno della ZTL oltre questi orari.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

«Il Comune vuole fare cassa sulla pelle dei veronesi, di chi lavora, - ha quindi concluso la sua requisitoria polemica l'ex primo cittadino scaligero Flavio Tosi - è questa la cosa più irritante e insopportabile. Tra l'altro si chiedono soldi (l’incasso aggiuntivo in multe per Palazzo Barbieri sarà di circa 5 milioni l’anno) senza dare nulla in cambio, dato che la città da quasi due anni con Sboarina è morta dal punto di vista culturale e turistico, senza nessuna grande mostra».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Come si è sviluppato il nuovo focolaio in Veneto che tocca da vicino anche Verona?

  • Nuovo focolaio di Covid-19 nel Vicentino, al confine con Verona e Padova

  • Maltempo atteso a Verona: il Comune invita i cittadini a limitare gli spostamenti

  • Spende 9 mila euro per un depuratore per la casa: «Non serve, l'acqua è già potabile»

  • Inganna parroco della Lessinia per ricattarlo, coppia di 20enni arrestata

  • Coronavirus: tre i nuovi casi positivi in Veneto e due i morti, un decesso è a Verona

Torna su
VeronaSera è in caricamento