Anche in Valpolicella è nato un comitato per il Sì alla riforma costituzionale

A guidarlo l'imprenditrice Marilisa Allegrini. Con lei un gruppo di amministratori locali, ma anche altri imprenditori e rappresentanti del mondo delle professioni

C'è Marilisa Allegrini, presidente dell'omonimo gruppo vinicolo, a guidare il neonato comitato della Valpolicella per il Sì al referendum costituzionale. Insieme a lei ci sono altri imprenditori, amministratori locali (come il sindaco di Pescantina Luigi Cadura) e rappresentanti del mondo delle professioni (come Alberto Mion, presidente dell'ordine dei commercialisti). Una sessentina di uomini e donne, come riportato sul Corriere di Verona, che hanno raccolto l'appello ha votare Sì il prossimo 4 dicembre.

Renzianissima, Marilisa Allegrini ha dichiarato di non trovare ragioni oggettive per votare no ad una riforma che ammodernerà un paese che così potrà attirare più investimenti internazionali. Non sarà una riforma perfetta e non risolverà tutti i problemi, secondo alcuni sostenitori, ma almeno ridurrà i costi della politica e renderà il paese più governabile

Ragioni che hanno spinto anche alcune forze di centro e di centrodestra a sostenere la riforma, come testimoniato dall'incontro di domenica scorsa, 23 ottobre, a Verona dove Flavio Tosi e Pierfedinando Casini hanno spiegato le ragioni del Sì.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Auto con tre giovani a bordo finisce fuori strada e contro un albero: tutti morti sul colpo

  • Luca, Francesca e Chiara: i tre giovani morti nell'incidente di Bonavigo

  • Due nuove destinazioni dall'aeroporto Catullo di Verona per chi vola con easyJet

  • La vera storia di Santa Lucia, secondo la leggenda nata a Verona

  • Ha un nome il corpo trovato in A4: tocca alla Polstrada risolvere il giallo

  • Autovelox e telelaser, le strade di Verona controllate dalla polizia locale

Torna su
VeronaSera è in caricamento