«Assessore condannato per razzismo», prime grane per Coletto in Umbria

L'ex assessore veronese alla sanità del Veneto è stato chiamato a svolgere lo stesso incarico in Umbria ed è stato il primo a finire nel mirino delle opposizioni, per una sua condanna risalente al 2001

Luca Coletto (Foto di repertorio)

Ieri, 2 dicembre, si è tenuto il primo consiglio regionale dell'Umbria dopo le elezioni che hanno visto primeggiare la candidata leghista Donatella Tesei. Un consiglio regionale che non è riuscito ancora ad eleggere un suo presidente e che nella prima seduta di ieri è stato caratterizzato anche da una polemica sul veronese Luca Coletto, ex assessore alla sanità della Regione Veneto ed ora assessore alla salute e alle politiche sociali dell'Umbria. A Coletto, la presidente Tesei ha assegnato diverse deleghe, tra cui le politiche sull'immigrazione e quelle sulla parità di genere e contro la discriminazione. Ricercando nel passato di Coletto, è rispuntata la sua condanna del 2001 per diffusione di idee razziste, quando raccolse delle firme per lo sgombero di un campo nomadi abusivo da Verona. Allora, Coletto era consigliere provinciale e insieme a lui furono condannati anche altri esponenti politici, tra cui anche l'ex sindaco di Verona Flavio Tosi.

Dal 2001 ad oggi è facile calcolare quanto tempo è passato e quanti incarichi istituzionali ha ricoperto Coletto dopo quella condanna a due mesi. Ma per il Partito Democratico umbro, quella macchia sulla reputazione di un neo assessore regionale, tra l'altro proveniente da un altro territorio, è abbastanza per cominciare la carica di critiche al nuovo esecutivo.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Mi stupisce il silenzio della presidente circa la condanna dell'assessore Coletto - ha dichiarato il capogruppo del PD umbro in consiglio regionale Tommaso Bori, come riportato da Nicola Bossi su PerugiaToday - Avete scelto una persona esterna, lontana dall'Umbria a livello geografico e di valori. Avere in giunta una persona che ha subito una condanna è grave, ma una condannata per razzismo è inaccettabile. L'Umbria respinge le idee portate avanti dal nuovo assessore. Chiediamo alla presidente se sapeva o era allo scuro. La delega alle discriminazioni data a Coletto è un cortocircuito.
Esprimo poi orgoglio per la sanità umbra. Una sanità che rivendichiamo come pubblica e uguale per tutti. Importare il modello lombardo in Umbria non funziona e neanche importare un assessore dal Veneto.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dramma familiare a Bardolino: «Vado al porto per farla finita», il biglietto trovato dal figlio 

  • Indagine nazionale di sieroprevalenza al coronavirus: ecco i Comuni veronesi coinvolti

  • Provincia baciata dalla fortuna al SuperEnalotto: vinti oltre 40 mila euro

  • «Alleanza contro Covid-19», i primi frutti delle ricerche fatte a Verona

  • Gardaland annuncia la data della riapertura ufficiale: attrazioni all'aperto tutte disponibili

  • La «protesta silente» che rischia di passare sotto silenzio andata in scena anche a Verona

Torna su
VeronaSera è in caricamento