Scontro tra Lega e Non Una di Meno su aborto e pillola del giorno dopo

L'associazione femminista ha distribuito in centro e in stazione a Verona alcune bustine contenenti caramelle di zucchero e materiale informativo. Anna Grassi: «La pillola non è una caramella»

Le caramelle distribuite da Non Una di Meno (Foto Facebook)

L'associazione femminista Non Una di Meno ha recentemente distribuito in centro e in stazione a Verona alcune bustine contenenti caramelle di zucchero e materiale informativo sui contraccettivi e sulla legge 194, la legge che in Italia regola l'interruzione di gravidanza e che in città è stata al centro di uno scontro dopo l'approvazione in consiglio comunale della mozione pro-vita del consigliere comunale Alberto Zelger.

«La pillola non è una caramella», ha commentato la consigliera leghista Anna Grassi che contesta a Non Una di Meno il fatto di aver «strumentalizzato un messaggio che associa un farmaco ad una caramella. La pillola del giorno è un farmaco a tutti gli effetti, che ha controindicazioni e effetti sul fisico di una ragazza. Non è così che si fa prevenzione».
E il collega di partito di Anna Grassi, Vito Comencini, ha aggiunto: «La somministrazione della pillola abortiva o di altri tipi di farmaci non è uno scherzo. I giovani hanno bisogno di esempi ed insegnamenti positivi. Inoltre credo che le informazioni mediche le debbano dare i medici».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Non Una di Meno ha replicato spiegando che il materiale informativo distribuito rimandava ad un sito internet in cui chi avesse voluto avrebbe trovato informazioni più estese. E sul proprio profilo Facebook ha riportato le parole della ginecologa Maria Geneth sulla differenza tra contraccezione di emergenza e interruzione di gravidanza. «La cosiddetta pillola del giorno dopo - spiega Geneth - agisce ritardando l'ovulazione. È a base di levonorgestrel e non va confusa con la RU486 che è una pillola abortiva di solo uso ospedaliero. Se c'è una gravidanza in corso, anche iniziale di pochi giorni, si potrebbero prendere dieci pillole del giorno dopo, la gravidanza resterebbe intatta».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, nel Veronese le persone "positive" sfiorano le 1800 unità

  • A Verona 5 nuovi morti positivi al coronavirus: crescono a 514 i ricoveri, di cui 103 in intensiva 

  • Tre nuovi morti positivi al coronavirus a Verona: toccata quota 100 ricoveri in intensiva

  • «Focolaio di Coronavirus nel carcere di Verona: una quindicina di agenti positivi»

  • In Veneto 125 minorenni positivi al coronavirus, 18 sono veronesi

  • Un successo la spesa a Km Zero a domicilio dei produttori veronesi

Torna su
VeronaSera è in caricamento