Caccia e ambiente, Zanoni attacca: «Veneto regione calibro 12 ostaggio delle doppiette»

«Stiamo diventando una Regione calibro 12 ostaggio delle doppiette - lamenta il consigliere Dem Zanoni - Sedute fiume sullo stesso tema, come se il Veneto non avesse altre urgenze da affrontare, dal radicamento delle organizzazioni mafiose, all’infinita partita sull’autonomia»

Cucciolata di lupi - ph Facebook Andrea Zanoni

«Nuovo anno, ossessioni vecchie in Consiglio regionale: sono ben sei i progetti di legge sulla caccia, affrontati e da affrontare in queste prime settimane del 2019, come se in Veneto non ci fossero altri problemi, ben più urgenti. Ormai è una guerra elettorale tra Lega e Fratelli d’Italia per accaparrarsi i voti delle doppiette il tutto sulla pelle degli animali selvatici e dei cittadini veneti». A dirlo è il consigliere regionale del Partito Democratico Andrea Zanoni, che ricorda, elencando, i provvedimenti riguardanti l’attività venatoria al vaglio di Palazzo Ferro Fini.

«Nella prossima seduta consiliare, martedì 26 febbraio, saremo alle prese con una doppia proposta di Lega e Lista Zaia. La prima riguarda le modifiche alla legge sulla viabilità silvopastorale che, grazie a infinite deroghe, darà il privilegio ai soli cacciatori di andare con i loro fuoristrada sui sentieri di montagna vietati a tutti i comuni mortali, in aree fragili, a grande valenza ambientale. Dopo toccherà alle "Misure di prevenzione e di intervento concernenti i grandi carnivori" con cui si vuole tornare ad abbattere il lupo, abdicando a vie intelligenti, e funzionanti, per prevenire le predazioni. Una legge che verrà impugnata e bocciata dalla Corte Costituzionale, come accaduto per quelle di Trento e Bolzano, facendo perdere tempo al Consiglio e soldi ai contribuenti. Ma non finisce qui - sottolinea il vicepresidente della commissione Ambiente Zanoni - Mercoledì in Terza commissione, sempre su proposta della Lega che evidentemente vuole scavalcare Berlato, è stata discussa una proposta di legge sul cacciatore esperto in materia di igiene e sanità delle carni dei selvatici e, ancora, una sull’addestramento dei cani nelle aree della Rete Natura 2000, con possibili gravi danni, nel periodo primaverile, alla riproduzione di uccelli e mammiferi in queste aree protette ad altissimo pregio naturale. Tutto ciò avviene all’indomani dell’approvazione delle leggi 6/2019 e 8/2019 sulla liberalizzazione della caccia con il falco e sull’ennesima proroga del piano faunistico venatorio con cui si perpetua il furto, a danno dei veneti, di un diritto previsto dalla legge statale: vietare la caccia nei propri terreni».

«Stiamo diventando sempre più una Regione calibro 12 ostaggio delle doppiette - lamenta infine il consigliere regionale Dem Zanoni - Sedute fiume sullo stesso tema, come se il Veneto non avesse altre urgenze da affrontare, dal radicamento sul territorio delle organizzazioni mafiose, all’infinita partita sull’autonomia i cui contenuti Zaia non ha ancora condiviso con il Consiglio, oltre agli annosi problemi legati al lavoro e all’ambiente».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Va allo Spi per un controllo: 70enne scopre che l'inps gli deve quasi 37 mila euro

  • Protagonista del servizio di "Striscia la Notizia", aggredito e derubato in città

  • Illasi, non digerisce un commento negativo della suocera e l'accoltella

  • Omicidio di Isola Rizza ripreso dalle telecamere: il cerchio inizia a stringersi

  • Boato nella notte a Verona: bancomat assaltato e ladri in fuga col denaro

  • Controlli notturni dei carabinieri di Legnago e San Bonifacio per contrastare i furti in casa

Torna su
VeronaSera è in caricamento