sabato, 29 novembre 10℃

Bertucco: "Tosi vuole fare pace col Pdl perchè ha paure del ballottaggio"

"Di fronte alla possibilità di perdere il potere a Tosi vanno bene anche le minestre riscaldate". Così Bertucco commenta l'apertura ad un risanamento tra Lega e Pdl

La Redazione 25 aprile 2012

Tosi apre ad un possibile riallacciamento con gli ex alleati del Pdl. E scatena un putiferio. "Preoccupato del ballottaggio ormai certo e dagli scandali che continuano a travolgere la Lega, il sindaco uscente Flavio Tosi fa marcia indietro e annuncia il suo ritorno al porto sicuro dell'alleanza Lega-Pdl. Di fronte alla possibilità di perdere il potere a Tosi vanno bene anche le minestre riscaldate" dice il candidato del Pd Michele Bertucco.

Continua il democratico: "Ma per i veronesi questo è un film già visto, è una pellicola senza lieto fine che in cinque anni di amministrazione di centrodestra ha mostrato la paralisi dell'aeroporto, l'indebolimento della fiera, una gestione delle assunzioni nelle aziende pubbliche quanto meno discutibile, la mancata riqualificazione dei quartieri, una mobilità insostenibile e l'isolamento economico di Verona all'interno della sua area metropolitana e dei suoi naturali sbocchi verso l'Europa. Non è minimamente possibile pensare di inchiodare la città per altri cinque anni su beghe personali e incomprensibili giochi di potere".

Annuncio promozionale

Nel gioco delle alleanza, Bertucco non ha dubbi: "Per quanto mi riguarda, le alleanze in vista del ballottaggio vanno costruite sulla base dei progetti concreti per la città, non certo sugli equilibri partitici nazionali e su accordi personalistici. Ma se qualcuno vuole allearsi con Tosi per l'indipendenza della Padania, obbiettivo ribadito poche settimane fa da Maroni e riconfermato proprio oggi anche da Bossi, si accomodi pure".

elezioni

Commenti