Sull'autonomia regionale è scontro interno al M5S, Fantinati: «Si farà, è nel contratto»

Dura replica a Luigi Gallo da parte di Mattia Fantinati: «Chi è contro le Autonomie nel M5S, - ha dichiarato l'esponente veronese grillino - rispetti il contratto di governo. Chi parla di "sospendere le Autonomie", nel nostro movimento, lo fa infatti a titolo personale»

A sx l'esponente del M5S Luigi Gallo e a dx il collega di partito veronese Mattia Fantinati - Ph profilo Facebook Luigi Gallo e Mattia Fantinati

Il Sottosegretario Mattia Fantinati (M5S) replica al compagno di partito Luigi Gallo che sul tema delle autonomie nella giornata di mercoledì aveva dichiarato: «C'è troppa corruzione nelle regioni, è necessario sospendere le autonomie». La polemica inizialmente era stata sollevata dalla deputata del Partito democratico Alessia Rotta che, replicando all'esponente grillino aveva detto: «Il Movimento 5 Stelle fa sapere, attraverso il presidente della Commissione Cultura che, invece di combattere la corruzione, preferisce combattere l’autonomia regionale. E sull’autonomia, votata dalle cittadine e dai cittadini, il contratto di governo sembra non avere più valore».

A stretto giro è quindi arrivata la replica e smentita alle parole del pentastellato Luigi Gallo, direttamente dal collega Fantinati: «Chi è contro le Autonomie nel M5S, - ha dichiarato l'esponente veronese grillino - rispetti il contratto di governo. Chi parla di "sospendere le Autonomie", nel nostro movimento, lo fa infatti a titolo personale».

«In Italia c’è un problema di corruzione che riguarda la pubblica amministrazione in generale, - ha quindi aggiunto l'On. Mattia Fantinati - e che stiamo affrontando seriamente con provvedimenti come lo "spazza corrotti" e il "concretezza". Chi fa di tutt’erba un fascio, accusando le Regioni in toto, butta il bambino dell’autonomia con l’acqua sporca della corruzione, generando solo confusione».

«Il M5s vuole un’autonomia vera che avvicini i cittadini ai territori, - ha proseguito Fantinati - favorendo trasparenza e combattendo i fenomeni corruttivi. Un’autonomia efficiente che scongiuri il deteriore fenomeno della moltiplicazione delle spese, prodotto dalla sciagurata riforma del Titolo V della Costituzione votata dal centrosinistra. Un’autonomia partecipata, approvata rispettando la volontà dei cittadini come emersa dai referendum e coinvolgendo in pieno il Parlamento. Non alimentiamo inutili polemiche. L'autonomia si farà, ce lo chiedono i cittadini».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Una città intera in lutto: si è spento Roberto Puliero e Verona perde la sua voce

  • Sbanca a L'Eredità, dipendente comunale pensa ai colleghi in difficoltà

  • Cosa fare a Verona e provincia durante il weekend dal 15 al 17 novembre 2019

  • Il cordoglio della politica veronese per la scomparsa di Roberto Puliero voce della città

  • Madre e figlia dirette a Londra arrestate all'aeroporto Catullo dalla polizia

  • Maltempo a Illasi: «Situazione ancora critica, preoccupa il livello del Progno»

Torna su
VeronaSera è in caricamento