Mense scolastiche più care, Sboarina: «Aumenti minimi e imposti per legge»

Il primo cittadino ha spiegato: «La nostra scelta è stata quella di garantire la qualità del cibo consumato dai nostri bambini, per non tornare ai pasti precotti fatti da ditte esterne»

(Foto di repertorio)

La nostra scelta è stata quella di garantire la qualità del cibo consumato dai nostri bambini, per non tornare ai pasti precotti fatti da ditte esterne. Ma, per effetto di un decreto del Governo Gentiloni, non possiamo intervenire per calmierare gli aumenti delle tariffe dei servizi, ecco perché abbiamo dovuto applicare gli adeguamenti imposti per legge, cercando di contenerli al massimo.

Sono queste le motivazioni che ieri, 7 agosto, il sindaco di Verona Federico Sboarina ha usato per spiegare l'aumento delle rette per il servizio delle mense scolastiche. Sboarina ha descritto come sterili e strumentali le polemiche del Partito Democratico di Verona «il quale si dimentica - ha aggiunto il sindaco scaligero - che il decreto è del PD e di chi amministrava quando nel 2013 era scoppiato il caso degli appalti truccati e dei pasti scadenti nelle mense».

Si tratta di aumenti che vanno da 40 a 80 centesimi a pasto (1 euro per i non residenti), a seconda delle possibilità economiche delle famiglie - ha spiegato ancora Sboarina - Un pranzo completo, preparato al momento e con materie prime di qualità, viene a costare sui 2 euro per i redditi più bassi, con una progressione che arriva ad un massimo di 5,70 euro. Le famiglie in difficoltà sono comunque tutelate dal Comune che, con circa 500mila euro, copre i 1.503 casi di esenzione totale. Inoltre, non abbiamo voluto toccare le tariffe della refezione negli asili nido, innanzitutto perché si parla di mille pasti rispetto ai 13mila consumanti nelle scuole di grado superiore e poi perché le rette nei nidi sono già un costo importante per le famiglie.

Il primo cittadino ha poi confrontato gli aumenti delle tariffe applicati a Verona con quelli applicati nelle città vicine: se a Verona la retta mensile aggiornata varia dai 42 ai 90 euro (102 per i non residenti), a Brescia per la mensa si pagano dai 43 ai 157 euro (188 i non residenti) e a Padova dai 30 ai 136 euro.

«L'obiettivo è quello di continuare nella politica della qualità, internalizzando più mense scolastiche possibili. E per distribuire pasti preparati al momento, si garantiscono gli attuali posti di lavoro e l'assunzione di nuovo personale - ha annunciato il sindaco - Agec, infatti, ha già stabilizzato 38 lavoratori e i numeri aumenteranno nei prossimi anni. Nel frattempo verranno portati avanti controlli serrati in tutte le scuole che non hanno una mensa interna, per verificare che i pasti distribuiti siano adeguati». Se nel 2018, le mense interne alle scuole erano 64, con 58 cuochi e 89 aiutocuochi, quest'anno saranno 74, con 64 cuochi e 108 aiutanti. Un trend in continua crescita. Nel 2020, infatti, saranno 80 le mense interne e nel 2021 ben 85.

«Ricordo che abbiamo degli obblighi di legge da rispettare - ha concluso il primo cittadino di Verona - Dovendo rinnovare il contratto di servizio triennale con Agec, abbiamo dovuto tener conto del decreto legislativo 63 del 2017. La norma stabilisce che non ci devono essere maggiori oneri per gli enti pubblici e quindi che gli incrementi legati all'aumento dei prezzi degli alimenti o del costo del lavoro devono essere sostenuti dagli utenti. Ecco perché per garantire la qualità dei pasti e il personale delle mense, abbiamo dovuto adeguare le tariffe. Senza contare che è dal 2006 che le rette sono invariate e che dal 2013 non sono mai stati nemmeno applicati gli aumenti Istat. Era chiaro che prima o poi quei soldi andavano chiesti»

Ma le polemiche sugli aumenti non sono terminate e il consigliere comunale di Verona e Sinistra in Comune Michele Bertucco attacca ancora la giunta comunale: «Non sa comunicare con i cittadini e la confusione sotto il cielo è tanta, troppa - ha detto Bertucco - Bisogna chiarire quali compiti abbia Agec (da anni viene usata come azienda tappabuchi per ogni genere di operazione, dalle farmacie alle mense scolastiche) e come devono essere gestite le mense scolastiche per non gravare troppo sui cittadini. La partita di giro messa in piedi per coprire il primo anno di aumenti dei costi rivela che è possibile farlo. Altro che obblighi di legge».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Va allo Spi per un controllo: 70enne scopre che l'inps gli deve quasi 37 mila euro

  • Auto con tre giovani a bordo finisce fuori strada e contro un albero: tutti morti sul colpo

  • Due nuove destinazioni dall'aeroporto Catullo di Verona per chi vola con easyJet

  • Protagonista del servizio di "Striscia la Notizia", aggredito e derubato in città

  • Illasi, non digerisce un commento negativo della suocera e l'accoltella

  • Non ce l'ha fatta il 41enne coinvolto in uno scontro frontale a Isola della Scala

Torna su
VeronaSera è in caricamento