Agsm: dura replica di Zavarise e Gasparato al presidente della Camera di Commercio

Il commissario veronese della Lega e il presidente di Verona Domani rivendicano il merito di aver evitato «la svendita di un asset strategico della nostra città a Milano»

Il commissario veronese della Lega Nicolò Zavarise

«Suona paradossale che il presidente della Camera di Commercio, Riello, oggi parli di spartizione di poltrone e neghi il ruolo che hanno tentato di giocare i poteri forti nell'operazione Agsm e Aim. Proprio lui, che cumula le cariche di presidente della Camera di commercio, presidente di Aerogest, vicepresidente di Unioncamere, vicepresidente di Fondazione Arena e consigliere di amministrazione del Catullo. Occorrerebbe equilibrio, buon senso e decenza».  Così il commissario provinciale della Lega di Verona Nicolò Zavarise e il presidente di Verona Domani Matteo Gasparato, ribadendo che sulla delicata partita Agsm (domani altra giornata campale) «la posizione che portiamo avanti è da sempre e coerentemente a sostegno della fusione con Aim, che infatti abbiamo sostenuto anche nell'ultimo Cda». Una posizione, precisano sempre Zavarise e Gasparato, che avrebbe consentito di «evitare la svendita di un asset strategico della nostra città a Milano». 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

«Basti dire - precisano il commissario provinciale della Lega di Verona Nicolò Zavarise e il presidente di Verona Domani Matteo Gasparato - che il presidente di Agsm Finocchiaro, sostenuto da Confindustria, si ostina a portare avanti un percorso già clamorosamente bocciato dal Tar della Lombardia. Quella sentenza ha smontato il moloch dell'infungibilità, a cui si erano aggrappati i fautori della maxi fusione. Quanto ai sindacati, che guardavano alla fusione a tre, ci hanno già pensato le Rsu a smentirli. Oggi a tutelare gli interessi dell'azienda, dei cittadini veronesi e dei lavoratori sono rimasti Lega e Verona Domani che, come dimostrato in Cda, hanno fermato un'operazione che non sarebbe stata fatta nell'interesse dei veronesi, ma del profitto. Siamo favorevoli a percorsi di aggregazione, - concludono Nicolò Zavarise e Matteo Gasparato - così come anche il consigliere di minoranza espresso dal Pd. Il fatto che tutti e tre questi consiglieri si siano rifiutati di votare in consiglio dovrebbe dirla sufficientemente chiara sulla natura dell’operazione».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Auto in fiamme dopo lo scontro con un autocarro: morta una donna

  • Cosa fare a Verona e provincia durante il weekend dal 10 al 12 luglio 2020

  • Morto in A22 a 37 anni: scoppiate le gomme posteriori, il furgone è diventato incontrollabile

  • Omicidio Micaela Bicego, trovata mannaia nello zainetto della vittima

  • Perde il controllo della moto, esce di strada e muore sulla Transpolesana

  • Coronavirus: in Veneto nuovi casi positivi e ricoveri, 4 morti di cui 3 sono a Verona

Torna su
VeronaSera è in caricamento