Bendinelli lascia Berlusconi e si unisce al nuovo partito di Matteo Renzi

Il sindaco di Garda, dopo aver rinunciato al ruolo di coordinatore del Veneto, ha deciso di passare da Forza Italia a Italia Viva: «Una casa liberale, garantista, che porta avanti quei valori in cui ho sempre creduto e che Forza Italia ha deciso di abbandonare»

Davide Bendinelli - Immagine d'archivio

Alla metà di novembre aveva deciso di abbandonare il ruolo di coordinatore veneto di Forza Italia e ora Davide Bendinelli, deputato e sindaco di Garda, fa sapere la propria decisione di lasciare il partito guidato da Silvio Berlusconi. Queste le sue parole, diffuse con una nota stampa. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Dopo un periodo di intensa e sofferta riflessione, ho deciso di lasciare Forza Italia, dopo essermi dimesso da coordinatore del Veneto: una casa che mi ha dato tanto, ma che non riconosco più come mia. I valori liberali sulla base di cui è nata, sono stati traditi, sacrificati sull’altare del sovranismo.
Pertanto, ho deciso altresì di aderire ad Italia Viva e sposare il progetto di Matteo Renzi: una casa liberale, garantista, che porta avanti quei valori in cui ho sempre creduto e che Forza Italia ha deciso di abbandonare.
La mia è una scelta ideale: non ho mai, fin dal 1994, fatto politica per le poltrone, ma sempre e comunque per le idee. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dramma familiare a Bardolino: «Vado al porto per farla finita», il biglietto trovato dal figlio 

  • Provincia baciata dalla fortuna al SuperEnalotto: vinti oltre 40 mila euro

  • «Alleanza contro Covid-19», i primi frutti delle ricerche fatte a Verona

  • Cardiologia di Verona verso il futuro: impiantato il primo pacemaker invisibile

  • La «protesta silente» che rischia di passare sotto silenzio andata in scena anche a Verona

  • Covid-19: un tampone positivo e un decesso nel Veronese, ma i dati restano positivi

Torna su
VeronaSera è in caricamento