Provincia: un progetto per valorizzare le fortificazioni veronesi

Si chiama "Forte Cultura, rientra nell'ambito comunitario "Central Europe Programme" e mira alla rivalutazione del patrimonio storico per uno sviluppo sostenibile

Ieri nella Loggia di Fra' Giocondo del Palazzo Scaligero, si è tenuta la giornata di apertura del workshop relativo al progetto “Forte Cultura”, realizzato nell'ambito del programma comunitario “Central Europe Programme”. Per la Provincia di Verona sono intervenuti: l'assessore alla Cultura e Beni Ambientali Marco Ambrosini e Isabella Ganzarolli, coordinatrice del progetto.

L'OBIETTIVO - Il progetto “Forte Cultura” mira alla valorizzazione del patrimonio storico delle fortificazioni per uno sviluppo sostenibile e per migliorare la competitività delle città e delle regioni.

IL PROGETTO -  Consiste in uno studio dei sistemi difensivi della provincia veronese con la finalità di promuovere strategie innovative per la crescita sociale ed economica del territorio. La valorizzazione territoriale della provincia di Verona attraverso il sistema delle fortificazioni ha il fine di mettere in relazione il patrimonio storico-culturale con i caratteri tipici del territorio - quali ambiente, artigianato, agricoltura - diventando fattore trainante di attrazione turistica per uno sviluppo sostenibile del territorio. Nella provincia di Verona, infatti, si concentra la maggior parte del patrimonio fortificato del Veneto e la presenza nel territorio di fortificazioni, realizzate tra l'800 e il '900, è uno degli elementi che contraddistingue il patrimonio storico- culturale veronese.

L'IMPEGNO - La Provincia da diversi anni promuove, sviluppa e garantisce il proprio sostegno ad iniziative e progetti volti a tutelare e valorizzare l'eredità storica composta dai sistemi fortificati presenti sul nostro territorio. In particolare, nel 2010 ha partecipato alla rassegna espositiva 'Geo Oikos' con un primo studio sui forti veronesi della Val d'Adige e ha aderito al programma comunitario 'Alpine Space'; l'anno successivo, in occasione di 'Italia 150', ha sviluppato un'analisi dei principali sistemi di fortificazione sorti durante l'impero austro-ungarico fino alla formazione del regno d'Italia; ha riconfermato, attraverso l'adesione al progetto 'Forte Cultura', l'interesse e la volontà di direzionare il proprio impegno verso la valorizzazione del patrimonio architettonico-militare che insiste sulla provincia scaligera.

Il partenariato del progetto comprende realtà istituzionali e culturali appartenenti ai seguenti stati membri dell'Unione Europea: Polonia, Austria, Repubblica Ceca, Germania, Ungheria, Italia, Slovenia, Ucraina, Lussemburgo. Capofila del partenariato è la Città di Kostrzyn (Polonia).

GLI INTERVENTI - Nel corso della prima giornata del workshop sono intervenuti, oltre a Gianluigi Scamperle, dell'Area Programmazione e Sviluppo del territorio della Provincia di Verona, Henry Neumann, dirigente del Centro Europeo di Cooperazione per il Patrimonio Fortificato (ECCOFORT) di Berlino; Peter Ros, projectmanager della società olandese New Dutch Waterline per la valorizzazione del territorio, delle vie d'acqua e i beni ambientali; Paolo Capacci, della Direzione Sistema Statistico della Regione del Veneto; Markus Hedorfer, pianificatore territoriale della HESC Servizi per il Territorio di Venezia. I lavori proseguiranno domani con la giornata conclusiva del convegno, in cui interverranno: l'assessore regionale agli Enti Locali e alla Cooperazione Transfrontaliera e Martina Zanatta, dell'Università di Nova Gorica di Venezia. In occasione del workshop sono inoltre organizzate visite guidate, riservate ai relatori e ai collaboratori del progetto, ai principali sistemi di fortificazione del territorio urbano di Verona.

L'ASSESSORE AMBROSINI - “È un onore ed una grande soddisfazione partecipare alla giornata di apertura dei lavori relativi al progetto 'Forte Cultura' e rinnovare la piena adesione della Provincia di Verona al programma comunitario 'Central Europe'. Questo importante risultato è frutto di un'intensa attività che la Provincia di Verona sta portando avanti ormai da diversi anni, al fine di garantire, con professionalità ed impegno, la tutela e la valorizzazione dell'eredità storica composta dai sistemi fortificati, che caratterizzano in maniera così peculiare e distintiva il nostro territorio. I lusinghieri risultati raggiunti derivano anche dal prezioso supporto e dalla collaborazione con la Regione del Veneto, ente che da sempre ha riconosciuto la straordinaria ricchezza insita nel nostro patrimonio storico e culturale. Approfondire lo studio di questo ambito è fondamentale per salvaguardare parte della nostra storia e della nostra identità e, allo stesso tempo, per concorrere alla reale valorizzazione di uno straordinario patrimonio che non ha eguali e che può divenire una strategica risorsa per tutto il nostro territorio”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Una città intera in lutto: si è spento Roberto Puliero e Verona perde la sua voce

  • Sbanca a L'Eredità, dipendente comunale pensa ai colleghi in difficoltà

  • Cosa fare a Verona e provincia durante il weekend dal 15 al 17 novembre 2019

  • Terremoto nella Bassa Veronese: registrate tre scosse ravvicinate

  • Il cordoglio della politica veronese per la scomparsa di Roberto Puliero voce della città

  • Madre e figlia dirette a Londra arrestate all'aeroporto Catullo dalla polizia

Torna su
VeronaSera è in caricamento