lunedì, 28 luglio 24℃

Giro d'Italia 2013 approda a Verona con due tappe: il 22 e il 26 maggio

Numerosi i comuni interessati dalle due frazioni pianeggianti, con le autorità che stanno organizzando al meglio l'evento in ogni suo particolare. Le tappe quindi saranno materia per velocisti ma occhio alle fughe da lontano

Luca Stoppele 5 maggio 2013

Per ben due volte il Giro d'Italia 2013 attraverserà la provincia veronese con i suoi campioni. Si tratta della 17a e la 21a tappa, che disputeranno rispettivamente il 22 e il 26 maggio. In previsione di questo tra l'altro, le autorità competenti si stanno organizzando per fare in modo che tutto si svolga regolarmente.

LA 17a TAPPA - Si tratta di un percorso fondamentalmente pianeggiante che inizia a Caravaggio, nel bergamasco, e giunge fino a Vicenza, per 214 chilometri complessivi. I comuni interessati del passaggio della Carovana Rosa saranno: Verona, Valeggio sul Mincio, Ronco all'Adige, Villafranca di Verona, Castel d'Azzano, Belfiore, Povegliano veronese, San Giovanni Lupatoto, San Bonifacio, Vigasio e Zevio. Questa tappa si presta a due tipi di soluzioni: a fuga di qualche corridore che il gruppo decide di lasciar andare o la volata finale. Più probabile la seconda, soprattutto se le squadre di velocisti hanno ancora un sufficente numero di componenti per tirare il gruppo.

Annuncio promozionale

LA 21a TAPPA - Anche in questo caso si tratta di tratto sostanzialmente pianeggiante che da Riese Pio X, nel trevigiano, arriva fino a Brescia, per un totale di 197 chilometri. I comuni che vedranno il transito degli atleti del Giro sono: San Bonifacio, Lavagno, Castelnuovo del Garda, Soave, San Martino Buon Albergo, Lazise, Colognola ai Colli, Verona, Peschiera del Garda, Caldiero e Sona. Anche in questo caso nessuna possibilità per gli scalatori quindi, ma spazio a velocisti e passisti. Un ruolo fondamentale lo giocheranno sempre le squadre in caso di fuga e bisognerà vedere quali sprinter saranno ancora in gioco per la volata. 

Centro storico
ciclismo

Commenti