Temperature in rialzo e notti "tropicali": sarà una settimana "bollente"

Sono le previsioni dei meteorologi Arpav a richiamare l'attenzione sul clima atteso sul territorio veneto in questi giorni, con le "massime" che potrebbero toccare anche i 38°

Una giornata di sole sul lago di Garda

I meteorologi Arpav hanno previsto a partire da oggi, 22 luglio, una nuova ondata di caldo che durerà per gran parte della settimana.

L'ANALISI METEO - Nel weekend appena trascorso la graduale ripresa dell’alta pressione sul Mediterraneo ha favorito, anche in Veneto, tempo in prevalenza soleggiato e temperature con valori moderatamente superiori alla norma nella giornata di domenica, quando, in diverse zone della pianura interna sono state raggiunte punte massime intorno ai 32-34°C. Anche le temperature minime sono aumentate su tutta la pianura e la costa arrivando a superare nella prima mattina di oggi i 20°C, considerato valore soglia oltre il quale le notti vengono definite “tropicali”.

LA PREVISIONE - Nei prossimi giorni, l’ulteriore espansione sull’Europa di un promontorio di alta pressione con masse d’aria di origine nord-africana determinerà un ulteriore aumento delle temperature su tutta la regione fino a valori marcatamente superiori alla media del periodo, con scarti anche di oltre 5- 7°C circa in più rispetto ai valori normali attesi per l’ultima decade di luglio.

L’apice del caldo sarà probabilmente tra mercoledì e giovedì quando le massime potranno arrivare a toccare i 36-38°C in molte zone della pianura interna e i 32-34°C lungo il litorale e in alcuni fondovalle montani. Anche le temperature minime della notte sono destinate ad aumentare ulteriormente fino a raggiungere valori intorno ai 23-25°C in pianura nelle notti tra mercoledì e venerdì 26. Per una probabile attenuazione del caldo si dovrà attendere il fine settimana quando sono previste correnti atlantiche un po’ più fresche e instabili. Tale tendenza potrà comunque essere confermata solo nei prossimi giorni.

OZONO - L’aumento delle temperature in un contesto di tempo stabile e ben soleggiato favorirà nei bassi strati dell’atmosfera, la formazione di ozono e quindi un peggioramento della qualità dell’aria

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Va allo Spi per un controllo: 70enne scopre che l'inps gli deve quasi 37 mila euro

  • Auto con tre giovani a bordo finisce fuori strada e contro un albero: tutti morti sul colpo

  • Due nuove destinazioni dall'aeroporto Catullo di Verona per chi vola con easyJet

  • Luca, Francesca e Chiara: i tre giovani morti nell'incidente di Bonavigo

  • Illasi, non digerisce un commento negativo della suocera e l'accoltella

  • Protagonista del servizio di "Striscia la Notizia", aggredito e derubato in città

Torna su
VeronaSera è in caricamento