Habacus a Job&Orienta

Habacus, start-up innovativa attiva nella finanza per l’istruzione e il primo certificatore in Italia della performance degli studenti di università e scuole professionalizzanti per l’ottenimento di un prestito di studio, comunica la propria partecipazione a Job&Orienta 2019, a Verona dal 28 al 30 novembre

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di VeronaSera

Habacus, start-up innovativa nel campo della finanza a servizio dell'istruzione, sarà tra i protagonisti alla 29esima edizione di Job&Orienta, il più grande salone nazionale dell’orientamento, scuola, formazione e lavoro che si terrà Verona, dal 28 al 30 novembre. Fondata a fine 2017 da Paolo Cuniberti, Habacus si posiziona quale interlocutore privilegiato tra l’ecosistema formativo e il mondo della finanza: la start-up è infatti il primo certificatore in Italia della performance accademica degli studenti. Attraverso l’utilizzo di una piattaforma tecnologica che monitora e analizza i dati sull’andamento scolastico Habacus aiuta i candidati ad ottenere l’accesso al credito.

L’obbiettivo della start-up è responsabilizzare gli studenti sull’importanza di investire in sé stessi, non solo per conseguire una formazione di alto livello, ma anche per imparare a credere nelle proprie capacità ed essere competitivi nel lavoro del futuro. Habacus parteciperà alla fiera con uno stand condiviso con Intesa Sanpaolo, con cui ha avviato una collaborazione strategica per l’erogazione di Per Merito, il finanziamento che consente agli studenti di investire sul proprio futuro e condurre gli studi con un sostegno economico. Job&Orienta, che nel 2018 ha registrato una partecipazione di oltre 75 mila visitatori, si attesta come la principale fiera in Italia che mette in collegamento gli studenti e il mondo del lavoro. Si tratta dunque di una finestra privilegiata sul mondo dell’istruzione a 360°, dall’università alla formazione post diploma (ad esempio ITS), che permetterà ad Habacus di interloquire non solo con gli studenti, ma anche con enti istituzionali come MIUR, Regione, e altri operatori del settore. Per ottenere la certificazione da parte della start-up non conta la media scolastica dello studente bensì la costanza e la puntualità nel rispettare gli impegni e le tempistiche accademiche.

Al centro nel progetto sta infatti la responsabilità dello studente: per candidarsi ed ottenere il bollino di qualità è sufficiente avere la residenza in Italia, non è di alcuna rilevanza la cittadinanza dello studente, così come non sono vincolanti il reddito o la condizione sociale di partenza nella valutazione complessiva del candidato. “Habacus nasce con l’idea di promuovere l’empowerment e l’employability dei giovani investendo sull'istruzione di alto livello come motore dell'innovazione”, ha dichiarato Paolo Cuniberti, CEO di Habacus. «Spesso gli studenti italiani hanno scarsa conoscenza degli strumenti finanziari a propria disposizione. Noi intendiamo promuovere la conoscenza del prestito come sviluppo - e non più limite – sostenibile, posizionandoci come ponte tra il mondo finanziario e quello accademico ponendo gli studenti al centro del sistema».

Habacus è una start-up innovativa attiva nel campo della finanza a servizio dell'istruzione, nata con lo scopo di rendere le risorse finanziarie accessibili agli studenti di università e scuole professionalizzanti, per promuovere l'istruzione di alto livello e responsabilizzare gli studenti sull’importanza di investire in sé stessi. Habacus è stata fondata alla fine del 2017 da Paolo Cuniberti, affiancato da Camilla Budelli, COO, con uffici in Italia, a Milano e Treviso, e un ufficio a Londra. Habacus collabora con 130 istituti tra Università, Afam, Its e scuole superiori specializzate e 220 enti formativi all’estero ed è in contatto con le principali associazioni studentesche d’Italia.

Torna su
VeronaSera è in caricamento