Guida turistica: ecco come essere abilitati alla professione

Ecco la guida che ti indicherà il percorso di formazione per l’accesso alla professione di guida turistica

Immagine generica

Da sempre nutrite il sogno di diventare una guida turistica? Amate viaggiare, conoscere persone nuove, visitare i siti più belli delle città e vorreste essere pagati per farlo? Attenzione però che non è una passeggiata!

Infatti per essere una guida turistica bisogna seguire un preciso percorso di formazione. Si tratta di una professione che richiede molte competenze, come la conoscenza di più lingue e ottime capacità di comunicazione. La guida turistica accompagna nella visita di musei, gallerie, scavi archeologici e siti di interesse turistico, illustrando le caratteristiche e le attrattive paesaggistiche, artistiche, storiche e culturali. Da non confondere con la figura dell’accompagnatore turistico che, si limita ad assistere e a dare informazioni ai turisti. Per diventare guida turistica la formazione può iniziare già dalle scuole superiori, scegliendo per esempio il liceo classico, l’artistico o un istituto tecnico per il turismo. All’ l’università invece, il corso di laurea più indicato è quello in Storia dell’arte. 

Abilitazione

Per poter svolgere la professione è necessario raggiungere un patentino di abilitazione tramite il superamento di un Esame di Stato. Per poter partecipare all’esame è necessario essere maggiorenni ed in possesso del diploma di laurea triennale. Le varie sessioni di esame sono stabilite dalle Regioni e dalle Province autonome tramite appositi bandi pubblicati con cadenza biennale. 

Esame di Stato

L’esame è formato da una prova scritta, una prova orale ed una di tipo tecnico-pratico.

Prova scritta

I candidati dovranno rispondere a domande riguardanti nozioni generali di legislazione e organizzazione turistica italiana e storia dell'arte italiana, con particolare riferimento ai siti oggetto di domanda.

Prova orale

Vengono affrontati gli stessi argomenti della prima prova, a cui si aggiunge la verifica delle competenze linguistiche.

Prova tecnico-pratica

I candidati verranno esaminati in una simulazione della visita guidata. 

Una volta superato l’esame, si verrà inseriti nell’elenco nazionale delle guide turistiche nei siti di particolare interesse storico, artistico o archeologico, tenuto dal Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo. 

Verona

Laurea magistrale interateneo in Arte

Il corso si propone di fornire una formazione avanzata nel campo delle discipline storico artistiche, con attenzione ai diversi ambiti delle arti visive, della musica e dello spettacolo, dal Medioevo al periodo contemporaneo. Obiettivo primario sarà quello di fornire delle solide basi metodologiche e una piena consapevolezza delle coordinate storico-critiche, con rigoroso approccio scientifico, dando attenzione privilegiata alla considerazione delle opere in sé e nel loro contesto spaziale, storico e culturale.
La conoscenza diretta delle opere e l'acquisizione delle metodologie di ricerca saranno facilitate da visite ai complessi monumentali del territorio, nonché da viaggi di studio a musei e monumenti italiani e stranieri. Gli studenti potranno, inoltre, partecipare a iniziative di approfondimento su temi specifici o, anche, sperimentare sul campo le conoscenze acquisite grazie a stage e tirocini presso musei ed enti territoriali preposti alla tutela e alla valorizzazione del patrimonio artistico.

Per ulteriori informazioni consultare il sito dell'Università di Verona

Potrebbe interessarti

  • Universitari veronesi volano in California per il World Project Fair

I più letti della settimana

  • Universitari veronesi volano in California per il World Project Fair

  • Come diventare fisioterapista: formazione e post-laurea

  • "Back to School”: come prenotare da Amazon i testi scontati

Torna su
VeronaSera è in caricamento