Alla Gran Guardia maratona di film in omaggio al maestro del cinema Ingmar Bergman

A cento anni dalla nascita l'opera cinematografica di Ingmar Bergman rimane uno dei punti di riferimento per comprendere la cultura e le idee del Novecento e per riflettere su alcuni grandi temi legati all'esistenza umana, sempre attuali. Si va dagli interrogativi, spesso angoscianti, sulla presenza/assenza di Dio, legati all'ingombrante figura del padre pastore protestante, all'analisi dell'ambiguità delle relazioni affettive e parentali, indagate quasi ossessivamente nelle loro sfumature più varie.

In particolare, l'analisi di Bergman si concentra sull'universo femminile e le figure di donne nel suo cinema restano scolpite nella memoria per sensibilità emotiva, acume psicologico, profondità di pensiero. Il tutto coniugato con un interrogativo costante sul lavoro dell'artista e sul suo ruolo nella società. Un esaminare, il senso della propria opera, dei rapporti con il pubblico, dei limiti della propria autonomia nella realizzazione di film.

Temi che ritornano anche nei cinque film e nel cortometraggio presentati in questa mini rassegna di un giorno, che copre il periodo centrale, dal 1953 al 1976, della produzione bergmaniana, nei quali il pubblico più attento potrà cogliere anche altri elementi che si ripetono spesso. L'attenzione, ad esempio, quasi maniacale per la coerenza della gamma cromatica. O la cornice sempre splendidamente geometrica degli interni. O il ritorno nella colonna sonora dei medesimi suoni. O la voce fuoricampo dello stesso Bergman. Oppure, sempre a livello narrativo, le costruzioni circolari, con la fine del film che si raccorda all'inizio, e la presenza di quattro personaggi portanti. E, infine, gli straordinari primi e primissimi piani dei volti, visi che diventano paesaggi dell'anima. Bergman è un regista per il quale il volto è un mondo e il mondo è un volto.

Programma venerdì 7 dicembre 2018

Ore 14.15
Monica e il desiderio (Sommaren med Monika, 1952, 96')
con Hariet Andersson, Lars Ekborg

Ore 16.00
Luci di inverno (Nattvardsgästerna, 1961, 81')
con Max von Sydow, Gunnar Björnstrand

Ore 17.30
Il ballo delle ingrate (De fördömda kvinnornas dans, 1976, 24')

Ore 18.00
Persona (Id., 1965, 85')
con Liv Ullmann, Bibi Andersson

Ore 20.30
Il posto delle fragole (Smultronstället, 1957, 91')
con Victor Sjöström, Ingrid Thulin, Bibi Andersson

Ore 22.00
Sussurri e grida (Viskningar och rop , 1972, 91')
con Liv Ullmann, Harriet Andersson, Ingrid Thulin

Proiezioni in lingua originale con sottotitoli in italiano, riservate ai maggiori di 14 anni.

Iniziativa realizzata con il con contributo e il patrocinio del Mibac
e in collaborazione con AGSM Verona Amia Verona Spa Bentobox.pro

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Cinema, potrebbe interessarti

  • Il programma dei film per la rassegna "Cinem(A)teatro" a Valeggio sul Mincio

    • dal 1 luglio al 26 agosto 2020
    • Teatro Smeraldo

I più visti

  • "E quindi uscimmo a riveder...Verona", visite guidate serali imperdibili durante l'estate

    • dal 11 giugno al 30 luglio 2020
    • Vedi programma completo
  • "Contemporanee / Contemporanei", oltre 80 artisti in mostra al Polo Santa Marta

    • Gratis
    • dal 10 settembre 2019 al 10 marzo 2024
    • Polo Santa Marta
  • Al Museo Archeologico al Teatro Romano la mostra "Il fascino dei vetri romani"

    • dal 13 dicembre 2019 al 27 settembre 2020
    • Museo Archeologico al Teatro Romano
  • "Io mi alleno a casa", attività fisica per restare in forma

    • Gratis
    • dal 29 marzo al 31 luglio 2020
    • https://www.youtube.com/channel/UCv6hS1gY1EEtLJCGzoO8zGg
  • Potrebbe interessarti

    Torna su
    VeronaSera è in caricamento