Inaugura giovedì 8 ottobre presso la Feltrinelli, la mostra fotografica "Alberto Messina. Un’idea di spleen" ispirata a Emilio Salgari

Foto di Alberto Messina

“Un’idea di spleen” è il titolo del lavoro di Alberto Messina individuato da Angela Madesani per la sezione PhotoArtVerona da alcuni anni accolta con una mostra presso la Feltrinelli di Verona. Si tratta di una serie di immagini ispirate al mondo salgariano, sul quale il giovane artista è stato invitato a riflettere. Nessun tentativo di narrazione esplicita, piuttosto rimandi da cogliere a un’osservazione attenta. Sono accenni alla vita e alle opere dello scrittore veronese, morto suicida nel 1911, dopo una breve vita difficile.

Sono accenni alla vita e alle opere dello scrittore veronese, morto suicida nel 1911, dopo una breve vita difficile: «A voi che vi siete arricchiti con la mia pelle, mettendo me e la mia famiglia in una continua semi-miseria od anche di più, chiedo solo per compenso dei guadagni che vi ho dato che pensiate ai miei funerali. Vi saluto spezzando la penna».

La penna spezzata è in una foto, posta davanti a una copia anastatica di Le meraviglie del Duemila, del 1907, un ottimo esempio libro di protofantascienza, in cui si parla del 2003: l’immaginazione corre veloce verso mondi sotterranei, macchine volanti, treni velocissimi. Ma le radiazioni elettriche sono troppo forti e i due protagonisti del romanzo non resistono a tale atmosfera. Si immagina l’inquinamento e il terrorismo. Un cappello di paglia femminile sta su un piano di legno: un richiamo alla moglie di Emilio, Ida Peruzzi, ricoverata in manicomio poco prima del suicidio del marito. E dunque le piante, grasse, tropicali quelle che Salgari conosceva benissimo, era un esperto di quel tipo di flora: ne leggeva sui libri, perché lui in America, nei mari dei corsari, del Corsaro Nero e di Sandokan non c’era mai stato.

Messina coglie questa dimensione trasposta. Nessun oggetto tra quelli fotografati è appartenuto allo scrittore, si tratta di rimandi: il mare, le conchiglie, la sabbia, le bottiglie di alcolici con un pensiero nei confronti della sua propensione all’etilismo, le piante. È un lavoro fatto in casa, proprio come la letteratura di Emilio Salgari. I riferimenti potrebbero essere molti, ma uno in particolare mi pare sia evidente, quello nei confronti della fotografia dei gemelli Cavalli, nati nel 1904 a Lucera, in Puglia, poco distante dal paese del quale è originaria la famiglia di Alberto. E qui il cerchio si chiude. Milano 21 Agosto 2015 (153° anniversario della nascita di Emilio Salgari)

Nota Biografica Alberto Messina è nato a Milano nel 1994, da una famiglia di origini pugliesi. Dal 2013 studia Fotografia all’Istituto Europeo di Design di Milano. La sua ricerca è fortemente incentrata sullo Still life. Nel 2013 ha realizzato delle riproduzioni digitali da stampe d’archivio per Villa Borromeo Visconti Litta di Lainate. Un’idea di spleen presso Feltrinelli Libri e Musica è la sua prima mostra personale.

Alberto Messina. Un’idea di spleen

A cura di Angela Madesani

la Feltrinelli Libri e Musica | Via Quattro Spade 2, Verona

8 Ottobre > 9 Novembre 2015

Inaugurazione: giovedì 8 Ottobre 2015, ore 18.30

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Mostre, potrebbe interessarti

  • "Il tempo di Giacometti da Chagall a Kandinsky" in mostra alla Gran Guardia

    • dal 16 novembre 2019 al 5 aprile 2020
    • Palazzo della Gran Guardia
  • Romeo&Juliet experience: visita guidata alla mostra

    • dal 2 gennaio al 16 dicembre 2019
    • Centro Storico di Verona
  • I caveau dei grandi musei italiani fotografati da Mauro Fiorese in mostra alla Gam di Verona

    • dal 5 aprile 2019 al 26 gennaio 2020
    • Galleria d’Arte Moderna Achille Forti

I più visti

  • Tornano a Verona gli splendidi banchetti per la Fiera di Santa Lucia

    • Gratis
    • dal 10 al 13 dicembre 2019
    • Piazza Bra
  • Artigianato e specialità enogastronomiche: a Verona i fantastici Mercatini di Natale 2019

    • Gratis
    • dal 15 novembre al 26 dicembre 2019
    • Piazza dei Signori, Cortile Mercato Vecchio, Via della Costa, Piazza Indipendenza, Piazza Viviani, Lungadige San Giorgio, Ponte Pietra, Ponte Scaligero di Castelvecchio e Piazza San Zeno
  • "Il tempo di Giacometti da Chagall a Kandinsky" in mostra alla Gran Guardia

    • dal 16 novembre 2019 al 5 aprile 2020
    • Palazzo della Gran Guardia
  • Romeo&Juliet experience: visita guidata alla mostra

    • dal 2 gennaio al 16 dicembre 2019
    • Centro Storico di Verona
  • Potrebbe interessarti

    Torna su
    VeronaSera è in caricamento