Lezione-concerto post-apocalittica in Fucina Culturale Machiavelli con le Partiture Parlanti

In Fucina Culturale Machiavelli la lezione-concerto si fa post-apocalittica. Domenica il terzo concerto della rassegna “Le Partiture Parlanti” dedicato a Claudio Monteverdi e il Seicento veneziano. Nella città di White Noise City la musica è il più grande dei crimini e tutti gli strumenti sono stati tarati per suonare oltre la soglia di udibilità umana. Con questa premessa, la rassegna di musica da camera “Le Partiture Parlanti”, che vuole avvicinare anche i più scettici alla musica classica, propone il prossimo concerto domenica 24 marzo alle 18 con un programma per due soprani e ensemble di liuti su Claudio Monteverdi e il Seicento veneziano.

Info su www.fucinaculturalemachiavelli.com e biglietteria.fcm@gmail.com

Come portare nuovo pubblico ad apprezzare autori lontani come Claudio Monteverdi? Come raccontare la musica in modo tale che appassioni e che venga compresa anche dai non addetti ai lavori? Utilizzare un espediente teatrale, come quello del racconto, è una possibilità. Domenica 24 marzo alle 18 nel teatro di Fucina Culturale Machiavelli il terzo appuntamento de “Le Partiture Parlanti” sarà dedicato alla musica di Claudio Monteverdi e il Seicento veneziano, per due soprani (Sara Ricci e Cinzia Prampolini) e la particolarità di un ensemble di liuti (Antonio De Luigi, Pedro Alcacer, Laura Lavecchia, Alessandro Gonfiantini) con musiche di Claudio Monteverdi, J. H. Kapsperger, Domenico Obizzi.

Lo splendore della città di Venezia nei secoli del suo massimo splendore come cornice alla musica di Claudio Monteverdi, con uno dei duetti amorosi contenuti nell'Ottavo libro, ma anche uno sguardo alla produzione e alla figura del suo giovane allievo, Domenico Obizzi, scomparso prematuramente nella terribile epidemia di peste scoppiata nel 1630. Le Partiture Parlanti sono concerti che raccontano, attraverso la voce dei musicisti in scena, alcune delle più belle pagine di musica da camera, riprendendo l'idea degli uomini-libro di Fahrenheit 451. Qui però sono i musicisti di Orchestra Machiavelli a diventare partitura, imparandola a memoria per preservarla dall'oblio e dai controlli della polizia nella città distopica di White Noise City, in cui ogni musica è fuori legge.

Un genere affascinante, quello della lezione-concerto, che accomuna i vantaggi della lezione frontale con la freschezza dell'esecuzione dal vivo, che viene qui riletta e interpretata, per arrivare ad una soluzione teatrale originale: è la partitura stessa che si racconta, narrando la sua vita, i pensieri di suo padre (il compositore), il processo che l'ha portata alla luce, ma anche che cosa vede e che cosa sente, a dimostrare che la musica è viva.

Tre appuntamenti la domenica pomeriggio alle 18 (24 e 31 marzo, 14 aprile), nel teatro di Fucina Culturale Machiavelli, l'ex centro Mazziano rimasto in tutti i cuori dei veronesi per la sua attività di cineforum ed ora sede della start-up culturale gestita da cinque giovani under 35. «Siamo partiti da due intenti di base, - afferma Stefano Soardo, Direttore Artistico - che poi sono gli stessi di Fucina Culturale Machiavelli: formare nuovo pubblico che sappia ascoltare la musica - qualsiasi musica, al di là delle etichette di genere - e poter portare alla luce preziosi capolavori che rimarrebbero altrimenti inascoltati. L'ambientazione post-apocalittica di White Noise City è una contestualizzazione quasi obbligata: un luogo in cui tutti parlano, ma in cui si perde ciò che ha valore, perché viene sommerso da una spessa coltre di rumore bianco».

«Volevamo aggiornare il concetto di lezione-concerto - aggiunge Rebecca Saggin - per offrire un prodotto che fosse al tempo stesso accattivante qualitativamente ma che fornisse anche un contesto narrativo di mediazione. Il target della nostra offerta culturale sono infatti i Millennials, spesso dimenticati nelle programmazioni culturali cittadine: divoratori di musica diversissima, che non disdegnano di passare da un concerto di musica pop o rock a proposte più impegnate, ma sempre volendosi divertire».

Ingresso unico 8€. Programma, costi e biglietti sul sito: www.fucinaculturalemachiavelli.com.

Per info: biglietteria@fucinaculturalemachiavelli.com.

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Concerti, potrebbe interessarti

  • Festival di musica barocca a Verona

    • Gratis
    • dal 14 settembre al 26 ottobre 2019
    • Vedi programma completo
  • A Verona la rassegna "Ottobre Musicale Terenzio Zardini"

    • Gratis
    • dal 5 al 26 ottobre 2019
    • Chiesa di San Bernardino
  • Ana Popovic live al Club il Giardino di Lugagnano di Sona

    • 30 ottobre 2019
    • Club Il Giardino

I più visti

  • Romeo&Juliet experience: visita guidata alla mostra

    • dal 2 gennaio al 16 dicembre 2019
    • Centro Storico di Verona
  • Hai preso "30" in un esame universitario? Porta il libretto da Zushi e avrai uno sconto

    • dal 2 aprile al 31 dicembre 2019
    • Zushi
  • "Il tempo di Giacometti da Chagall a Kandinsky" in mostra alla Gran Guardia

    • dal 16 novembre 2019 al 5 aprile 2020
    • Palazzo della Gran Guardia
  • A Soave la grande "Fiera del Gusto delle Pro Loco dell'Est Veronese"

    • da domani
    • Gratis
    • dal 19 al 20 ottobre 2019
    • Piazza Foro Boario
Torna su
VeronaSera è in caricamento