Fondazione Aida e Ippogrifo Produzioni presentano l'Iliade di Baricco al Camploy

Venerdì 24 marzo alle ore 20.45, al Teatro Camploy di Verona, andrà in scena nell'ambito della rassegna L'altro Teatro lo spettacolo "Iliade", tratto da Alessandro Baricco, per la prima volta in versione teatrale per la regia di Alberto Rizzi. Una coproduzione di Ippogrifo Produzioni e Fondazione Aida che hanno ricevuto dall'autore l'autorizzazione alla messa in scena del libro bestseller edito nel 2004 e presentato, all'epoca, in forma di reading al Romaeuropa festival. In questa rivisitazione l'epica e mitica guerra di Troia diviene claustrofobica rabbia domestica intrappolata nel più sacro dei luoghi familiari: il focolare domestico.

Lo spettacolo, presentato in anteprima un anno fa proprio a Verona, torna a “casa” per l’ultima replica di questa stagione dopo una ricca tournee che ha goduto di ottimi riscontri di pubblico e di critica. In scena cinque attori: Diego Facciotti, Alberto Mariotti, Enrico Ferrari, Ilenia Sbarufatti, Margherita Varricchio guidati dalla regia di Alberto Rizzi. La storia epica e immortale della guerra di Troia trova vita forza, energia grazie alla traduzione tagliente, immediata e efficacissima della Ciani e dialoga empaticamente col pubblico tramite le operazioni stilistiche introdotte da Alessandro Baricco. Sono le voci dei protagonisti infatti che si prendono l’onere e l’onore di narrarci la storia di Ilio. Eroi o semplici soldati, regine o schiave che si alternano nel racconto: ci guardano negli occhi, sono Uomini e Donne. Perfettamente umani. Le ragioni che muovono i personaggi nell’Iliade di Baricco sono totalmente umane avendo l’autore eliminato gli influssi divini: le azioni escono dalla (a noi lontana) cultura dell’eroismo e dell’ananke, della necessità. Baricco abbraccia il moderno pensiero critico e si attiene solo alle azioni umane, senza risparmiarsi nulla.

La messa in scena è fedele al testo omerico, fedele alla riduzione di Baricco e fedele allo stile registico di Alberto Rizzi: visionario ed evocativo. Rizzi sposta l’intera azione dentro una cucina. Per Rizzi infatti la cucina è la visione scenica che compensa per contrapposizione l’immensità il-limitata della spiaggia campo di battaglia e sede degli accampamenti: l’eco visivo e fisico di questa interiorizzazione. La cucina elevata a contenitore di una rabbia domestica, luogo assoluto di ogni violenza possibile: di quell’ira funesta che è il motore immobile dell’opera di Omero e di Baricco e quindi dello spettacolo. “La cucina, per eccellenza fulcro della vita domestica, luogo supremo della vita e della morte. Luogo di un’epica ed interminabile battaglia.” (cit. Alberto Rizzi).

Stranieri radunati loro malgrado nell’esercito di Agamennone, gli attori protagonisti sono coinquilini forzati dell’accampamento che dovrebbero perseguire un fine comune, ma che si perdono nelle rivendicazioni personali, nei sentimenti privati, singoli, nelle conflittualità della convivenza. La grande violenza omerica diventa la violenza dentro le mura domestiche: una rabbia familiare e adolescenziale, una violenza cieca e capricciosa. La cucina ovviamente è solo evocata, in linea con gli allestimenti di Ippogrifo e con le regie di Rizzi. Tavoli, sedie e tutto quanto è a disposizione degli attori diventa altro in un rocambolesco e continuo cambio di scena: tutto quanto è simbolo di intimità, familiarità, protezione e accadimento si può trasformare in pericolosissime macchine da guerra.

INFORMAZIONI

Web

Facebook

Instagram @ippogrifoproduzioni

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...



Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Teatri, potrebbe interessarti

  • Beppe Grillo arriva a Villafranca con il suo nuovo spettacolo "Insomnia"

    • 18 marzo 2018
    • Palazzetto dello Sport
  • Dal 28 novembre torna al Teatro Camploy la rassegna di spettacoli “Ragazzi Si danza”

    • dal 28 novembre 2017 al 13 marzo 2018
    • Teatro Camploy
  • “Masha’s Tales – I Racconti di Masha” in scena al Teatro Nuovo di Verona

    • 11 marzo 2018
    • Teatro Nuovo

I più visti

  • Al Museo AMO di Verona la grande arte di Fernando Botero con oltre 50 opere

    • dal 21 ottobre 2017 al 22 aprile 2018
    • AMO Arena Museo Opera
  • La mostra multimediale “Van Gogh Alive - The Experience” in Gran Guardia a Verona

    • dal 16 novembre 2017 al 2 aprile 2018
    • Palazzo della Gran Guardia
  • Fino al 25 febbraio 2018 presso AMO – Arena Museo Opera l'esposizione "I Love Lego"

    • dal 31 ottobre 2017 al 25 febbraio 2018
    • AMO Arena Museo Opera
  • Al Museo di Storia Naturale la mostra fotografica "Little Giants" di Marcel Clemens

    • dal 21 ottobre 2017 al 1 marzo 2018
    • Museo Civico di Storia Naturale
Torna su
VeronaSera è in caricamento