"Generations Verona", cucina stellata per i giovani al ritorante Il Desco

La seconda edizione di "Generations Verona" giunge all’ultimo appuntamento, registrando sold out in pochissimi giorni. Martedì 25 febbraio una nuova squadra è pronta a stupire gli ospiti con una cena inedita, dedicata alle nuove generazioni.

Per l’ultimo appuntamento di questa stagione, Matteo Rizzo accoglierà il Ristorante Giglio di Lucca, una Stella Michelin per tre giovani visionari della cucina, Benedetto Rullo, Lorenzo Stefanini, Stefano Terigi. Con loro anche Michael Silhavì del Ristorante Ponte Pietra di Verona, che già dallo scorso anno partecipa al progetto insieme al Desco.

Matteo, Lorenzo, Stefano, Benedetto e Michael hanno formulato un percorso inedito: il racconto della loro cucina a un nuovo giovane pubblico.

Il menù

  • Benvenuto dalla cucina
  • Mare al cucchiaio
  • Lattughino e pistacchi
  • Spaghettini, cicale alla brace e rosmarino
  • Animella alla senape, hummus di fagioli e pesto di maggiorana • Sottobosco
  • Crostata di lamponi

Il progetto

Si chiama Generations e nasce da una necessità, quella di far riscoprire la cucina di Verona, donarle una nuova veste e farla apprezzare anche dai palati più giovani. Nella scorsa stagione Matteo Rizzo ha coinvolto alcuni giovani ristoratori di Verona, innamorati della propria terra e di ciò che può offrire, e li ha riuniti in una serie di cene a quattro mani tra le vie della città scaligera. Speciali menu per promuovere un’idea comune di alta ristorazione, spogliata da troppe formalità e sovrastrutture.

Dopo il primo anno, Generations si rinnova quest’anno in una versione 2.0, coinvolgendo gli amici della scorsa stagione e alcuni nuovi volti. Novità di questa nuova stagione è che tutte le cene si terranno a casa Rizzo, in quel tempio di cultura gastronomica che è Il Desco e che ha dato i natali all’iniziativa. Seconda novità è che non saranno più quattro, bensì sei le mani che si alterneranno in cucina ad ogni appuntamento. Ogni serata vedrà infatti il padrone di casa Matteo Rizzo ospitare uno chef veronese – tra i quattro facenti parte del progetto sin dalla nascita – e uno chef ospite “forestiero”.

Cena a 6 mani martedì 25 febbraio | Gli chef protagonisti

Benedetto Rullo, Lorenzo Stefanini, Stefano Terigi | ristorante Giglio

Il ristorante Giglio prende vita nel 1979 da Franco Barbieri, Giuliano Pacini e Loredano Orsi, con un’impostazione molto classica, racconto della tradizione locale. Negli anni 2000 arriva al ristorante Paola Barbieri che dà vita a un progressivo ma sostanziale avvicinamento alle nuove generazioni. La mutazione continua con il figlio Lorenzo Stefanini che, dopo diverse esperienze tra estero e Italia, prende il comando della brigata. A lui presto si aggiungono i due attuali soci: Benedetto Rullo e Stefano Terigi.

Benedetto, romano d’origine, inizia la sua esperienza culinaria allo storico ristorante tristellato Da Vittorio, per poi aprirsi a nuovi orizzonti tra Londra, Berlino e Copenhagen. Stefano, l’artista della brigata, dopo aver conseguito una laurea in Arti Visive decide di partire e intraprendere la carriera da chef: Australia, Berlino e Alba, prima di tornarne nella sua città d’origine: Lucca. Insieme formano la squadra del Giglio. Un insieme di vite diverse che funzionano, che stanno in perfetto equilibrio su una linea sottile che oscilla tra la classicità di un locale eticamente solido e un grande desiderio di anarchia.

Michael Silhavì | osteria ristorante Ponte Pietra

Nel suo cognome si intuiscono origini francesi, ma è Verona la città che lo ha cullato e che lo ha fatto innamorare. Michael Silhavì, classe 1986, dopo alcune esperienze in ristoranti della città, all’età circa di 20 anni decide di partire, sentiva la necessità di allontanarsi dalle rassicuranti abitudini di casa per andare a conoscere e sperimentare delle nuove visioni di cucina, non per forza migliori, ma diverse. Aumentare le angolazioni per poi poter scegliere il proprio personale punto di vista. E così New York, Londra, Bangkok. Matura una serie di esperienze stellate prima allo Zafferano di Londra, poi a La Peca di Vicenza. Eppure, l’esperienza che ha segnato maggiormente il suo approccio alla cucina è stata al suo rientro in patria, tra le mura del ristorante Perbellini di Isola Rizza (VR) in cui ha trascorso tre anni nel ruolo di capopartita. Dal 2014 Michael è lo chef dell’Osteria Ristorante Ponte Pietra, sulla riva dell’Adige propone una cucina che è la commistione di una tradizione territoriale alla quale è fortemente legato e di uno spirito ribelle che gli ha fatto girare il mondo e poi lo ha riportato oggi qui, con una nuova e ritrovata consapevolezza culinaria fatta di sperimentazioni e azzardi.

Matteo Rizzo | ristorante Il Desco

Nato a Verona nel 1984, Matteo è nelle cucine del Desco già da ragazzo, durante le stagioni estive apprende le basi sia di sala che di cucina. Poi l’istinto di volare via, il bisogno di conoscere altre realtà, confrontarsi con cucine e culture diverse. Lavora a Roma, Los Angeles, Londra e Las Vegas, crescendo professionalmente e imparando ad adottare nuovi punti di vista. Dopo aver elaborato una nuova consapevolezza di sé e della sua visione di ristorazione, è pronto a ritornare nel ristorante di famiglia ad affiancare il padre Elia nelle cucine de Il Desco. Oggi, alla guida de Il Desco, lo chef riflette nei suoi piatti esperienze, viaggi e passioni, ma allo stesso tempo riporta a galla un patrimonio di tradizioni culinarie del territorio che fanno da linee guida alla sua cucina.

Informazioni e contatti

Web: https://ristoranteildesco.it/generations/

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Cibo e Vino, potrebbe interessarti

  • Aiutiamo gli italiani a fare l'aperitivo a casa

    • dal 30 marzo al 30 giugno 2020
    • Online

I più visti

  • Coronavirus, palestra veronese promuove gli allenamenti via WhatsApp 

    • Gratis
    • dal 1 al 30 aprile 2020
    • Online
  • "Contemporanee / Contemporanei", oltre 80 artisti in mostra al Polo Santa Marta

    • Gratis
    • dal 10 settembre 2019 al 10 marzo 2024
    • Polo Santa Marta
  • "Puglia in festa" a Legnago: prelibatezze e musica per il festival della cucina pugliese

    • Gratis
    • dal 24 al 26 aprile 2020
    • Piazza Garibaldi
  • Al Museo Archeologico al Teatro Romano la mostra "Il fascino dei vetri romani"

    • dal 13 dicembre 2019 al 27 settembre 2020
    • Museo Archeologico al Teatro Romano
  • Potrebbe interessarti

    Torna su
    VeronaSera è in caricamento