Al via la sezione prosa della 70^ Estate Teatrale Veronese con l'Edmund Kean di Gigi Proietti

A inaugurare il 70° Festival Shakespeariano al Teatro Romano mercoledì 4 luglio alle 21.15 (con repliche il 6 e il 7) sarà Edmund Kean di Raymond FitzSimons interpretato da Gigi Proietti che cura anche la regia. Modo migliore d’inaugurare la settantesima edizione del festival e di rendere omaggio a Shakespeare non poteva esserci.

Scritto per Ben Kingsley (premio Oscar come miglior attore nel 1983 per Gandhi di Attenborough), il testo di FitzSimons è un omaggio profondo a Shakespeare, un’occasione per entrare nel segreto del camerino in cui monologhi, battute, idee prendono e perdono forma, in un processo creativo da laboratorio che smonta e scruta le creazioni di Shakespeare, qui celebrato attraverso il genio del teatro che fu Edmund Kean.

Paragonabile, per genio e sregolatezza, alle rock star degli anni Settanta, Kean (1787-1833) fu amatissimo dai poeti romantici e fu considerato un genio da Byron, da Victor Hugo e da Alexandre Dumas. Nel 1836 Dumas arrivò a dedicargli un testo teatrale, Kean, ou désordre et génie, rivisto da Jean-Paul Sartre nel 1953 e traslato in film nel 1956 da Vittorio Gassman. Il grande Proietti, interpretando Kean, farà rivivere, tra gli altri, Shylock, Riccardo III, Amleto, Macbeth e Otello. Personaggi che nel corso dei settant’anni del festival veronese sono stati interpretati da attori di prestigio tra cui Memo Benassi, Luigi Vannucchi, Enrico Maria Salerno, Carmelo Bene, Giorgio Albertazzi, Vittorio Gassman, Sergio Fantoni, Glauco Mauri, Eros Pagni, Gabriele Lavia, Franco Branciaroli, Moni Ovadia, Massimo Ranieri, Silvio Orlando e Alessandro Preziosi.

Solo nel suo camerino, Kean beve, si trucca e soprattutto interpreta e s’interroga sulle parole di Shakespeare, passando in rassegna una vita di battaglie e successi. Idolatrato dal pubblico e dalla critica, Kean ascese, negli anni, dal ruolo di Arlecchino ai grandi personaggi shakespeariani fino alla rovinosa decadenza per alcolismo.

Questo il ritratto che Masolino d’Amico fa di Kean in Dieci secoli di teatro inglese 970-1980 (1981). «Il romanticismo fa il suo travolgente ingresso sulle scene con Edmund Kean (1787-1833). La non lunga ma smagliante carriera di questo genio sregolato, rovinato dagli eccessi e dagli scandali, era cominciata da bambino, figlio di attori itineranti. A Londra Kean si rivelò come Shylock in uno dei teatri senza licenza, nel 1814. Il grande critico William Hazlitt lo acclamò immediatamente, e scrivendo di lui due anni dopo lo accusò di avere distrutto per sempre “the Kemble religion”, ossia di avere reso impossibile ammirare i Kemble, dinastia di celebri attori inglesi, in particolare John Philiph Kemble e sua sorella Sarah Kembke.

Diretto erede di Garrick nella gestione del Drury Lane, fu il capofila degli actor-managers ottocenteschi. Kean era piccolo, ben proporzionato, acrobatico, intenso se non addirittura magnetico. Portò nella recitazione una passione, una foga, irresistibili. Declamava a folate, e Coleridge disse che “vederlo recitare era come leggere Shakespeare alla luce dei fulmini”. Allo stesso tempo era agile, aggraziato, elegante. Fu la prima star nel senso moderno: Kemble e Mrs Siddons guadagnavano trenta, trentacinque sterline la settimana.

Kean prendeva cinquanta sterline a sera, e riempiva il teatro. Dopo la sua scena di furore in A New Way to Pay Old Debts di Massinger (al Garrick Club c’è ancora un suo famoso ritratto nelle vesti di Sir Giles Overreach) svenne persino un’attrice in scena, mentre nel suo palco Byron fu preso da convulsioni. Kean fu una meteora: già nel 1820 la sua carriera cominciò a essere intralciata dalle sbornie e dai processi. Fece tournées in America, non prive di incidenti, e in carattere con se stesso morì – conclude d’Amico – in seguito a un attacco che lo aveva colto mentre recitava, ormai in declino, nel 1833».

Lo spettacolo, prodotto da Politeama, si avvale delle musiche di Fiorenzo Carpi, del disegno luci di Umile Vainieri e delle scene e costumi di Cappellini & Licheri.

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Teatri, potrebbe interessarti

  • Le "Favole al telefono" di Gianni Rodari…al telefono!

    • Gratis
    • dal 21 March al 21 May 2020
    • Al telefono
  • I sonetti di Shakespeare prima in podcast e poi protagonisti dell'Estate Teatrale Veronese

    • Gratis
    • dal 30 March al 30 April 2020
    • Online
  • Il teatro a Verona diventa social: nasce l'appuntamento fisso "#ildirettoreconsiglia"

    • Gratis
    • dal 19 March al 30 April 2020
    • Online

I più visti

  • Coronavirus, palestra veronese promuove gli allenamenti via WhatsApp 

    • Gratis
    • dal 1 al 30 aprile 2020
    • Online
  • "Contemporanee / Contemporanei", oltre 80 artisti in mostra al Polo Santa Marta

    • Gratis
    • dal 10 settembre 2019 al 10 marzo 2024
    • Polo Santa Marta
  • "Puglia in festa" a Legnago: prelibatezze e musica per il festival della cucina pugliese

    • Gratis
    • dal 24 al 26 aprile 2020
    • Piazza Garibaldi
  • Al Museo Archeologico al Teatro Romano la mostra "Il fascino dei vetri romani"

    • dal 13 dicembre 2019 al 27 settembre 2020
    • Museo Archeologico al Teatro Romano
  • Potrebbe interessarti

    Torna su
    VeronaSera è in caricamento