A Verona l’Antica pizzeria da Michele riapre per asporto e delivery con contenitori speciali

Il locale torna a sfornare le sue celeberrime pizze napoletane, con un particolare riguardo alla sicurezza e alla salute di tutti, senza rinunciare al caratteristico gusto che ha conquistato milioni di clienti in tutto il mondo, grazie ai contenitori Ciro - The Original Pizza Box

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di VeronaSera

Dopo due difficili mesi di chiusura forzata, ma nel cuore di Verona la pizzeria Da Michele torna a sfornare le sue prelibatezze napoletane, proposte ai clienti con le modalità di asporto e delivery, e il tutto con contenitori speciali. La pizzeria da Michele Verona riapre inoltre al delivery e all’asporto nello stesso giorno della casa madre di Napoli, rispettando tutte le regole della "Fase 2" e facendo un passo in più verso un futuro della ristorazione ormai presente, in cui sicurezza e sostenibilità sono le parole d’ordine.

La seconda fase della pandemia sarà caratterizzata dalla convivenza con il virus, una condizione che dovrà spingerci ad essere tutti più accorti. Per questo motivo, Alessandro Condurro, CEO di Michele in The World, la società che gestisce il franchise e discendente di Michele Condurro, fondatore dell’Antica Pizzeria da Michele, nel centro di Napoli, ha deciso di scegliere dei contenitori speciali per Verona, i Ciro Pizza Box, consentendo una maggior sanificazione, tutelando chi li trasporta e chi li riceve e poi li poggia sul tavolo dove mangia con la sua famiglia. Realizzati in polistirene alimentari e certificati, senza Bisfenolo A e DIBP, sostanze altamente nocive per la nostra salute, questo tipo di contenitori consentono di garantire una maggiore sicurezza ed igiene, evitando di alterare il sapore dei cibi trasportati, o che continuino a cuocere per via del vapore durante il trasporto, con il rischio di ricevere una pizza gommosa e “bollita”.

«Ho scelto di affidarmi a questa azienda di contenitori speciali a Verona perché per me garantire la sicurezza di riders e clienti viene prima di ogni altra cosa, ma anche perché sono gli unici che permettono di ricevere la pizza così come è stata sfornata. - spiega Alessandro Condurro - Vengo da una famiglia di imprenditori della pizza e maestri di questo piatto, non potrei mai disonorare il nome che porto, consegnando una pizza gommosa, dal cui cartone, magari, fuoriesce olio e condimento dai fori laterali, macchiando la macchina o i vestiti del cliente o di chi fa le consegne! E poi, sono ecologici e possono essere lavati e usati per altri scopi. In queste settimane abbiamo avuto modo di riflettere su come la mano dell’uomo sia nociva per l’ambiente, e credo che tutti dovremmo cambiare qualcosa nei nostri comportamenti, cercando di renderli più sostenibili, quando possibile. I cartoni tradizionali si sporcano, non possono essere riutilizzati e devono necessariamente essere gettati nella spazzatura indifferenziata non riciclabile. Ogni anno ne finiscono in discarica circa 700 milioni, con un forte impatto ambientale, sia per produrli, sia per smaltirli».

Torna su
VeronaSera è in caricamento