Femminicidio, in mostra a Peschiera la storia della prostituta uccisa

Nella mostra “Natura Naturae” a Peschiera del Garda l’artista bassanese Ketra racconta il viaggio nella natura (umana) più oscura

La mostra di arte contemporanea “Natura Naturae” che ha inaugurato sabato 3 dicembre presso la Palazzina Storica di Peschiera del Garda, nel Veronese, è il risultato dell'indagine svolta dai curatori Enrica Feltracco, Massimiliano Sabbion e Matteo Vanzan con l'obiettivo di sensibilizzare il visitatore, attraverso il linguaggio dell'Arte e della Cultura, su una tematica attuale che sta cercando ormai da diversi anni una soluzione.

Organizzata dal Comune di Peschiera del Garda (Vr) e in collaborazione con l'agenzia MV Eventi di Vicenza, il progetto espositivo è un percorso visuale e sensoriale attraverso le opere di artisti affermati del Novecento italiano - Carena, Cascella, Festa, Gilardi, Guccione, Guidi, Lilloni, Onorato, Schifano - e selezionati artisti contemporanei tra cui l’artista bassanese Ketra (Elena Pizzato) in un lungo excursus focalizzato sulla rappresentazione dello stretto rapporto tra uomo e natura, dialogando con viste mozzafiato e gli abitanti ad esse legati, trasformazioni del territorio e l’esaltazione del concetto di pittoresco nella stesura dell’opera.

Ketra, in particolare, attraverso la sua video-installazione “40” racconta un viaggio nell’oscurità, nel lato più nero della natura, o meglio dell’uomo che la rende complice.  Il sole è splendente, gli alberi hanno folte chiome di un verde acceso, l’acqua scorre lenta nel ruscello, tutto è in perfetto equilibrio: questa è la bellezza pura della natura. Una bellezza all’apparenza incontaminata. Ma poi, per caso o fatalità, approfondendo scopriamo avere le sue ombre e i suoi segreti. L’opera “40” porta alla luce ciò che è stato nascosto, occultato.

Questa videoinstallazione si ispira a un fatto di cronaca nera di non molti anni fa: una giovane prostituta viene trovata morta sul greto di un torrente, sono passati 40 giorni dalla scomparsa al ritrovamento del suo corpo, oramai irriconoscibile. Il tempo e gli agenti atmosferici scorrono, consumano e cancellano. Lei è stata uccisa e nascosta. Attorno a lei solo meravigliosi paesaggi, che continuano a stupire e mutare, stagione dopo stagione.

Il video ripercorre attraverso gli occhi dell’artista quella strada, quel campo e quell’acqua che quella giovane donna ha visto per l’ultima volta. Dal luogo del suo ritrovamento Ketra ha raccolto una zolla di terra e l’ha adagiata su un’alzatina di porcellana: è l’urna che accompagna lo spettatore in questo viaggio dentro il nero umano: “Mi ha colpito questa storia per la modalità con cui l’ho scoperta - racconta l’artista - e per la grande difficoltà nel reperimento della foto della ragazza, assente nei quotidiani che hanno scritto del caso. L’uccisione di una ragazza che non trova colpevoli e l’abbandono. La sua scomparsa è totale: il tempo e gli agenti atmosferici hanno cancellato i suoi tratti distintivi, la sua persona. Con questa installazione rifletto sull’incontro e scontro di violenza, sessualità e identità per poter ricucire tratti di dignità".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La mostra sarà visitabile il sabato e la domenica dalle 10.00 alle 12.30 e dalle 15.00 alle 19.00 con ingresso gratuito (chiuso il 25 e il 26 dicembre 2017 e il 01 gennaio 2018)

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Auto in fiamme dopo lo scontro con un autocarro: morta una donna

  • Cosa fare a Verona e provincia durante il weekend dal 10 al 12 luglio 2020

  • Perde il controllo della moto, esce di strada e muore sulla Transpolesana

  • Morto in A22 a 37 anni: scoppiate le gomme posteriori, il furgone è diventato incontrollabile

  • Omicidio Micaela Bicego, trovata mannaia nello zainetto della vittima

  • Coronavirus: in Veneto nuovi casi positivi e ricoveri, 4 morti di cui 3 sono a Verona

Torna su
VeronaSera è in caricamento