Al via "6 nel Posto Giusto", dove si incontrano lavoro, scuola e formazione

«Il territorio della bassa veronese gode di un tessuto imprenditoriale e produttivo molto stimolante. – ha commentato il sindaco di Nogara, Flavio Pasini – Ma sempre più spesso scuola, famiglie e mondo del lavoro non riescono a comunicare in modo ottimale»

La presentazione dell'iniziativa "6 nel posto giusto"

Torna per la sua seconda edizione l'iniziativa “6 nel Posto Giusto”, il progetto dedicato all’orientamento al lavoro e alla formazione in programma da gennaio a Nogara. L’iniziativa conferma il format del 2017 dedicato a famiglie, studenti, istituzioni e cittadini, con un calendario di eventi che metterà le politiche di occupazione territoriale e formazione dei giovani al centro del dialogo tra istituzioni e scuola.

Si inizia il 18 gennaio 2019 con la serata di orientamento rivolta alle famiglie. L’obiettivo sarà quello di confrontarsi con i genitori degli studenti delle scuole secondarie di I grado per aiutare i figli nella scelta del percorso di studi da intraprendere dopo le scuole medie.

Il programma di “6 nel Posto Giusto” entrerà poi nel vivo dal 12 aprile con l’incontro "Cosa ti chiede il mondo del lavoro?" ideato per gli studenti delle classi quarte e quinte degli istituti secondari. Una giornata per capire com’è cambiato, cosa offre e soprattutto come adeguarsi al mondo del lavoro in continua evoluzione anche tecnologica. Nel pomeriggio, spazio al tavolo istituzioni–aziende per un dialogo aperto sui temi del recruiting, dell’occupazione locale e dell’orientamento al lavoro dei giovani e delle loro famiglie. Il giorno seguente, sabato 13 aprile, porte aperte per il Recruiting Day ai giovani e ai cittadini che vogliano farsi conoscere. Una giornata per scoprire le imprese del territorio e le opportunità di inserimento professionale. Le aziende partner potranno effettuare colloqui conoscitivi, approfondire la conoscenza di un candidato o raccogliere i curricula per selezioni future.

All’edizione d’esordio, nel 2017, “6 nel Posto Giusto” ha raggiunto risultati significativi: 9 imprese coinvolte, più di 250 candidati intervistati provenienti da 20 comuni e testimonial internazionali del mondo sportivo come Mario Cipollini e Giacomo Sintini. L’evento – ideato dal Comune di Nogara e Ball Beverage Packaging Italia - è patrocinato da Città di Cerea e Comune di Sorgà e vede, inoltre, la partecipazione delle aziende Banco BPM Spa, Coca-Cola HBC Italia srl, Direzione22, DMT – Diamant, Eco Green Srl, Fondazione Cattolica Assicurazioni, Hinowa Spa, Prolux Srl, Randstad, STI Spa, Tipografia Sammartino e Trentin Spa.

«Il territorio della bassa veronese gode di un tessuto imprenditoriale e produttivo molto stimolante – ha commentato il sindaco di Nogara, Flavio Pasini –. Ma sempre più spesso scuola, famiglie e mondo del lavoro non riescono a comunicare in modo ottimale. Per questo con Ball abbiamo raccolto le necessità delle aziende per colmare questo gap e aprire un dialogo concreto tra realtà diverse. Sono molto soddisfatto nel vedere che alla seconda edizione anche la Città di Cerea e il Comune di Sorgà e tante nuove aziende abbiano scelto di partecipare al progetto, spinte dai risultati e dalle positive esperienze delle imprese partner della prima edizione».

Potrebbe interessarti

  • Kentucky Fried Chicken raddoppia a Verona, nuova apertura in Corso Milano

  • Formiche in casa? Ecco la guida che vi aiuterà a liberarvene

  • Must have moda estate 2019: i consigli dell'esperto

  • Da borgo Roma parte l'approccio multidisciplinare ai disturbi motori funzionali

I più letti della settimana

  • Strano viavai da un bar, scatta il blitz: trovata della cocaina, 46enne arrestata

  • Tetano, la bimba peggiora: «Me la prendo con chi diffonde bugie sui vaccini»

  • Dopo Israele e Regno Unito, Gardaland mette nel mirino il mercato cinese

  • Shopping a prezzi ribassati, arrivano i saldi estivi: quando iniziano a Verona e consigli utili

  • Si guasta l'auto e viene investito: un morto e un ferito a Verona dopo l'incidente sulla T4-T9

  • Morfina ad un neonato, l'imputata: «Mi è stato chiesto di prendermi la colpa»

Torna su
VeronaSera è in caricamento